Funzionario di Hamas che ha chiesto la distruzione di Israele: accetteremo la soluzione dei due Stati

Funzionario di Hamas che ha chiesto la distruzione di Israele: accetteremo la soluzione dei due Stati

Un alto funzionario di Hamas, che in precedenza aveva sostenuto la completa distruzione di Israele, ha affermato che il movimento deporrà le armi per perseguire una soluzione a due Stati.

Khalil Al-Hayya ha detto in un'intervista che il movimento islamico smantellerebbe la sua ala militare, si trasformerebbe in un partito politico e accetterebbe un cessate il fuoco di cinque anni con Israele se fosse creato uno stato palestinese lungo i confini di Israele prima del 1967. Tuttavia, Al-. Hayya ha anche suggerito in un’altra intervista che questo sarà un accordo temporaneo fino a quando lo Stato di Israele non sarà distrutto e Hamas alla fine cercherà di rivendicare “tutte le terre palestinesi”.

In un'intervista all'Associated Press Il capo della delegazione negoziale di Hamas con sede in Qatar, pubblicato oggi, ha affermato che il gruppo terroristico deporrà le armi e scioglierà la sua ala militare, le Brigate Al-Qassam, in cambio di “uno Stato palestinese pienamente sovrano in Cisgiordania e Gaza”. Striscia di Gaza e la creazione di uno Stato palestinese pienamente sovrano in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza”. Il ritorno dei profughi palestinesi in conformità con le risoluzioni internazionali” sui confini di Israele prima del 1967.

“Tutte le esperienze delle persone che hanno lottato contro gli occupanti, quando hanno ottenuto l’indipendenza e hanno ottenuto i loro diritti e il loro Stato, cosa hanno fatto queste forze? Si sono trasformati in partiti politici e le forze combattenti che li difendono si sono trasformate nell’esercito nazionale”.

Tuttavia, in un'intervista separata con Dubai notizie da est, Il Times of Israel ha riferito che Al-Hayya ha suggerito che tale accordo sarebbe solo una soluzione temporanea e che il popolo palestinese manterrebbe il suo “diritto storico su tutte le terre palestinesi”.

READ  I piccoli insetti di tutto il mondo si evolvono per mangiare la plastica

Le sue ultime dichiarazioni contraddicono le sue precedenti dichiarazioni riguardo alle intenzioni di Hamas. Sulla scia dei massacri del 7 ottobre, Al-Hayya ha affermato che l’obiettivo era garantire che “nessuno nella regione si sentisse calmo”.

Il movimento ha stabilito il suo obiettivo dichiarato di distruggere Israele nella sua carta costitutiva del 1988, che faceva riferimento ai “guerrafondai ebrei”. Hamas ha rivisto la Carta nel 2017, sostenendo che la sua lotta non era contro gli ebrei, ma contro il “progetto sionista”.

La piattaforma politica di Hamas rifiuta ufficialmente “qualsiasi alternativa alla completa liberazione della Palestina dal fiume al mare”, riferendosi alla terra tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo – che comprende lo Stato di Israele.

Come narrato da Al-Haya AP Il movimento non si è pentito del massacro del 7 ottobre, nonostante la devastazione avvenuta successivamente a Gaza.

Parlando con Il New York Times All’indomani del 7 ottobre, Al-Hayya ha affermato che l’obiettivo dell’attacco era “cambiare l’intera equazione” e assicurarsi che “nessuno nella regione si sentisse calmo”.

“Questa battaglia non è avvenuta perché volevamo carburante o lavoratori… e non mirava a migliorare la situazione a Gaza. Questa battaglia mira a ribaltare completamente la situazione”, disse all’epoca il leader del terrorismo.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x