Giudici italiani, sudcoreani e iraniani recensiranno i film TISFF

I film di questo festival cinematografico internazionale saranno giudicati dal regista iraniano Behnam Behzadi, dalla regista italiana Lea Beltrami e dal direttore della pianificazione del Busan Film Festival Kyunggyeon.

I nomi dei film in competizione per vincere la Coppa del Festival e la sua divisione di $ 3.000 nelle sezioni Fiction, Documentario, Esperimento e Animazione sono i seguenti:

.

Dipartimento di immaginazione:

“A Jar of Nuts” di Marius Petrondas ed Emma Doxiadi

Savas Stavro (Cipro)

“After Class” di Charles Ziyushi-dong, Branton Choi e Brindin Hubbard (Cina)

– Daniel Held (Polonia)

Berdard, di Francesco Casolo (Italia)

– “Before the Typhoon Comes” di Chen Yun (Cina)

“Broccoli”, di Stephen Pierrat, Elliott Fatoys e Paul Dixample (Francia)

– “Viaggio d’affari” di Won Jiu Lee (Corea del Sud)

– “DA YIE (buona notte)” Anthony Netti, Ghana

DAYDREAM di Cedric Martin (Francia)

– “Distances” di Suzanne Bijar (Spagna)

“Dogs Bark” di Sergio Serrano (Spagna)

Dogwatch di Group Production (Austria)

– “Drifting” Lili Hao, Hanxiong Pu (Cina)

– “Good Morning”, di Carolina Biggie Bachicz e Bartós Kozyra, Bartosz Kozyra (Polonia)

Hammurabi, Patrick Kennelly (Stati Uniti)

– “Keep Calm” Yaya Simakova (USA)

– “Lake of Happiness” di Alexi Baloyan (Bielorussia)

– “Congedo di assenza” prodotto dal gruppo (Russia).

– “MORTENOL” di Florence Borrelli, Julian Siloray (Francia)

– “Nina” Nikolai Todorov, Elena Moshulova, Poli Angelova e Hristo Simyonov (Bulgaria)

– “Heaven”, Anthony Donkey, Pablo Gradeau (Francia)

– “REBEL”, di Genevieve Jocelyn G, Pierre-Philippe Chevigny (Canada)

– “Adesivo” Ivan Onkovsky (Macedonia)

– “Migliore orchestra del mondo” Lucas Rosati, Henning Backhouse (Austria)

Charlie Coca (Francia)

“The Widow of Saverini” di Jonathan Hazan, Loic Gillard e Wilfred Mance (Francia)

READ  Ennio Morricone: L'uomo dietro la musica più famosa del film

– “THE SWING” di Ali Toktakunov, Samara Saginbayeva e Dastan Zapar Ulu (Kirghizistan)

Woman of the House di Felipe Espinosa (Spagna)

– “Okay,” Luis Sanchez Pollack (Spagna)

– “Bitter Meat” di Farid Hajji (Iran)

– “Dakal” Babak Mostafavi (Iran)

– “Daghi” Fatimah Mohammadi (Iran).

– Il cavallo alato bianco, Mehyar Mandegar (Iran) –

.

Dipartimento documentari:

– “The North Pole” di Gozo Venero e Xabi Baia (Spagna)

Blue Frontier Ivan Milosavlevi (Serbia)

Pripyat Piano di Jendch Anders (Repubblica Ceca) –

Mikhail Zeleznikov Review (Russia)

– “Saint Colon” di Ernst Lorik (Polonia)

– “The Last Headhunters”, di Marco Del Lucches e Cosimo Graagnani (Italia)

The Hateful Lea Monfort (Francia)

– “Quando è morta mia madre” di Zeynep Gulero Kesseler (Turchia)

– “CAC Eraj” di Jamshid Farajwand (Iran)

.

Dipartimento di animazione:

Metro, di Wojciech Lesczynski (Polonia)

400 MPH di Philippe Mays (Francia)

– “Boy in the Woods” Gabriel Garcia (Brasile)

– “Candela” di Marc Ripa e Anna Solanas, Nuria Ripa (Spagna)

“Dry Sea” di Karim Rahram (Belgio)

– “Iberinov”, Roxana Bordione e Florencia Belotti (Argentina)

Metro di Valentin Teoterev (Russia)

Piotr Furmankiewicz e Mateusz Michalak (Polonia)

– “PEARL DIVER”, di Margaret Danielsen (Norvegia)

Rats in the Walls di Mirjana Sarandeva (Austria)

The Reason di Szemon Ruszynski (Polonia)

Re-Cycle (Iowa Jästersebska) (Polonia)

Stringer Antonio Michel Stia (Italia)

– “The Subway” di Polina Ware, Robert Koznyowski (Polonia)

The Boy and the Owl di Mario Gago de Carvallo (Portogallo)

– “The Kite” di Ondig Ignoha, Peter Badach, Martin Samanta (Repubblica Ceca)

Red Fire di Mona Abdullah Shah (Iran).

– “Crab”, di Shiva Sadeqi Assadi, (Iran)

READ  Lo chef italiano ha costruito la sua versione della Contea "Il Signore degli Anelli" e vive come un vero hobbit

.

Sezione sperimentale:

– “Il mio corpo ti è stato dato” Francois Delaroyer (Francia) –

– “My Childhood House Tightens My Body” di Gandrey Van Heerden (Sud Africa)

Presieduto da Sadiq Mousavi, l’evento attualmente in corso si concluderà in formato fisico e online presso l’Iran Mall Cinema Hall il 24 gennaio.

Sig. / Pubbliche relazioni

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x