Gli adolescenti gay e bisessuali hanno maggiori probabilità di segnalare problemi di sonno, il che li mette a rischio di altre malattie

Gli adolescenti gay e bisessuali hanno maggiori probabilità di segnalare problemi di sonno, il che li mette a rischio di altre malattie

Studi scientifici hanno costantemente rilevato che le minoranze sessuali soffrono di cattive condizioni di salute fisica e mentale per una serie di motivi, sia a livello individuale che sociale, come è diventato evidente attraverso lo studio. Molti problemi medici e comportamentali interagiscono anche tra loro per creare un effetto a catena.

Dato che la mancanza di sonno e i problemi correlati si sono dimostrati dannosi per la salute, soprattutto per gli adolescenti, un gruppo internazionale di ricercatori ha deciso di determinare se l’orientamento sessuale fosse associato a un aumento dei problemi del sonno nei giovani adolescenti. Hanno scoperto che era – molto.

Nagata, professore di pediatria all’Università della California, a San Francisco, e colleghi hanno studiato l’orientamento sessuale e i problemi del sonno tra i giovani adolescenti.

Ma le vite dei giovani che si identificano come gay, lesbiche o bisessuali – e di coloro che stanno ancora scoprendo le loro attrazioni sessuali – sono particolarmente complesse. I sintomi della depressione e dello stress sono più comuni che nei bambini eterosessuali e il conflitto familiare è più probabile. Quindi il primo autore Jason M. Nagata, MD, professore di pediatria all’Università della California, San Francisco, e il suo team hanno esaminato questi e altri possibili fattori di mediazione.

Lo studio ha coinvolto 8.563 adolescenti che hanno partecipato allo studio ABCD (Adolescent Brain Cognitive Development), che ha reclutato volontari da 21 siti. Il gruppo era composto per il 49% da donne, per il 51% da uomini, per il 52% da bianchi, per il 20% da ispanici, per il 17% da neri e per il 6% da asiatici. Più dell’80% dei genitori ha completato l’università o ha un’istruzione aggiuntiva e poco più della metà delle famiglie (52%) aveva un reddito di almeno $ 75.000.

READ  Fossili: gli scienziati hanno scoperto antichi resti di SKUNK in Cile 74 milioni di anni fa

Gli adolescenti avevano un’età compresa tra i 10 ei 14 anni; L’età media era di 12 anni. Quando è stato chiesto di dire sì o no se erano “gay o bisessuali” (identità di genere o transgender non erano opzioni), il 4,4% ha detto sì, il 3,8% ha detto forse e il 3,1% ha detto di non aver capito la domanda .

Dell’intero campione, il 15% ha riportato problemi ad addormentarsi o mantenere il sonno nelle ultime due settimane. I genitori o gli operatori sanitari hanno ricevuto un questionario separato e il 28% ha riportato un disturbo generale del sonno tra i propri figli.

Quasi il 54% dell’intero gruppo ha affermato di avere problemi di depressione e il 53% di stress, il 5% ha affermato che i propri genitori erano meno propensi a monitorarli attivamente e il 2% ha riportato più conflitti all’interno della famiglia che meno.

IL Stabilepubblicato sul numero di marzo della rivista Salute LGBTha trovato un rapporto di rischio aggiustato (ARR) di 2,24 per difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno tra i partecipanti appartenenti a minoranze sessuali. (Non c’era differenza nella quantità di sonno che hanno ottenuto.)

Le risposte dei genitori hanno mostrato che l’RRT per i loro figli omosessuali o bisessuali con un disturbo del sonno era 1,5. Gli ARR erano quasi altrettanto alti (1,95 per le risposte degli adolescenti, 1,29 per i genitori) tra i bambini che hanno risposto “forse” alla domanda se fossero gay o bisessuali.

Un’analisi separata dei potenziali mediatori ha rilevato che i problemi di depressione hanno ridotto l’effetto dell’orientamento sessuale delle minoranze sull’addormentarsi o sul rimanere addormentati di circa il 13%, ma questo effetto sullo stress non ha fatto alcuna differenza. I conflitti familiari significativi riportati dagli adolescenti hanno comportato l’11% in meno di influenza gay o bisessuale e il 4% in meno di controllo dei genitori.

READ  I cambiamenti nell'orbita terrestre hanno dato alla vita la possibilità di sopravvivere durante "Earth Snowball"

È interessante notare che gli stessi fattori di mediazione hanno avuto un effetto completamente diverso agli occhi dei genitori. L’analisi o le loro risposte hanno mostrato che i problemi di depressione hanno ridotto del 50% l’effetto dell’identificazione come gay o bisessuale sui disturbi del sonno in generale. I problemi di stress degli adolescenti lo hanno ridotto del 24%, dal punto di vista dei caregiver, e un maggiore conflitto familiare è stato associato a una diminuzione del 6%. Il grado di controllo parentale non ha fatto differenza, secondo i genitori.

Sulla base dei risultati dello studio secondo cui i problemi depressivi, i maggiori conflitti familiari e, secondo gli adolescenti, il minor controllo dei genitori “mediavano l’associazione tra lo stato di minoranza sessuale e la difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno”, gli autori scrivono: “Interventi progettati per mirare ad aspetti specifici dell’adolescenza la vita può aiutare, come la salute mentale o il sostegno familiare, a ridurre i problemi di sonno tra i giovani delle minoranze sessuali e i rischi per la salute associati”.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x