Gli Alleati puntano a un riconoscimento della linea italiana sulla Tunisia

Gli Alleati puntano a un riconoscimento della linea italiana sulla Tunisia

Rimangono dubbi sulla fornitura al presidente Saied di fondi di emergenza dal Fondo monetario internazionale, ma Washington (e altre capitali) hanno indicato la strategia dell’Italia per aiutare a stabilizzare la regione, specialmente mentre la Russia si avvicina alla Tunisia.

Tony più Tony (e altro). Come ho già detto Il FoglioIl ministro degli Esteri britannico James Cleverly ha recentemente scherzato affermando di essere “assolutamente d’accordo[s] Con le sfumature”. Si riferiva al ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani e al segretario di Stato degli Stati Uniti Anthony Blinken, quest’ultimo che ha finalmente appoggiato le richieste del primo alla NATO di concentrarsi sul fianco meridionale oltre che sull’Ucraina.

  • I ministri degli Esteri della NATO si sono incontrati mercoledì a Bruxelles per discutere di attualità…
  • … Questa battuta suggerisce che Washington potrebbe essere sul punto di seguire il modo di pensare di Roma sulla crisi tunisina in corso.

Cosa sta succedendo in Tunisia? Il Paese nordafricano è ancora nel mezzo di una profonda crisi sociale ed economica che il presidente Kais Saied fatica ad affrontare. La Tunisia attende un prestito di 1,9 miliardi di dollari dal Fondo monetario internazionale. Tuttavia, le tendenze autoritarie del leader e la riluttanza a rispettare la burocrazia del Fondo monetario internazionale inducono alcuni paesi ad aggrapparsi all’approvazione.

  • Gli Stati Uniti appartengono a quest’ultimo gruppo, poiché sono scettici nei confronti della consegna di denaro a un quasi-sistema che potrebbe indebolire ulteriormente l’unico paese che è uscito dalla primavera araba come democrazia.
    • Giovedì, il presidente Saied ha respinto il tanto atteso accordo di prestito, criticandone i termini come “imposizioni” straniere che “non causano altro che più povertà”. […] L’alternativa è che dobbiamo fare affidamento su noi stessi”.
  • Intanto l’Italia stava difendendo Lavorare per liberare fondi per stabilizzare il Paese e prevenirlo potenze straniere Dall’approfittare della situazione in Tunisia – e quindi colpire indirettamente i paesi della NATO con tattiche di guerra ibrida, che includono la migrazione, come il governo Meloni È stato avvertito.
    • Nel frattempo, il ministro russo Sergey Lavrov ha contattato il suo omologo tunisino.
READ  Car of the Year 2021: ecco i sette finalisti

Linea Italia. Come ha riferito lunedì il ministro degli Esteri Tajani, Roma è “in costante contatto” con la Tunisia e ha annunciato un pacchetto di aiuti da 100 milioni di dollari, metà dei quali destinati alle piccole e medie imprese. L’Italia ritiene che la migliore linea d’azione sia sbloccare parte del denaro – per affrontare le questioni più urgenti – e vincolare il resto del denaro alle riforme.

  • Tajani ha affermato che questo “potrebbe essere un modo per mostrare la buona volontà dei paesi amici della Tunisia e del FMI”, pur mantenendo l’attenzione sulle riforme.

Un consenso crescente? Gli alleati della Nato ora sembrano essere più reattivi alla soluzione italiana: lo stesso ministro degli Esteri Tajani si è detto convinto che “stiamo andando nella giusta direzione”. […] Mi sembra che ci sia un atteggiamento più disponibile da parte di Stati Uniti e Francia “e non solo Il commissario Ue Paolo Gentiloni in visita a TunisiAnche dall’Unione Europea.

  • Nelle prossime settimane i rappresentanti dei media dei ministri degli Esteri belga e portoghese si recheranno a Tunisi.
  • Intanto, oltre alle parole di Mr. Blinken, l’ambasciatore americano in Tunisia, Joey Hood, ha incontrato due volte nei giorni scorsi il suo omologo italiano, Fabrizio Saggio.
  • È successo all’indomani della telefonata del 28 marzo tra i signori Tajani e Blinken, seguita da contatti tra l’intelligence statunitense e quella italiana, secondo quanto riferito. Il FoglioRilevando che i dialoghi si sono concentrati sulle ragioni del predominio della geopolitica su quella burocratica.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x