Gli enti di beneficenza si rivoltano contro il governo italiano a causa dell'elevato numero di morti di migranti marittimi

Gli enti di beneficenza si rivoltano contro il governo italiano a causa dell'elevato numero di morti di migranti marittimi

Un gruppo di enti di beneficenza ha accusato giovedì il governo italiano di destra di ostacolare le missioni marittime salvavita e di contribuire a un forte aumento delle morti dei migranti attraverso le severe leggi sull’immigrazione adottate lo scorso anno.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite, tra febbraio 2023 e febbraio di quest’anno sono morti o sono scomparsi più di 2.600 migranti nel Mediterraneo centrale, rispetto a meno di 1.600 tra febbraio 2022 e 2023.

Gli enti di beneficenza hanno collegato questo aumento al decreto sull'immigrazione adottato dal governo del primo ministro Giorgia Meloni nel gennaio 2023 e ratificato dal Parlamento un mese dopo, che prevedeva restrizioni alle attività degli enti di beneficenza di salvataggio in mare.

“Alla luce del crescente numero di vittime nel Mediterraneo centrale dall’inizio del 2023, in coincidenza con l’adozione di una nuova legge da parte delle autorità italiane e l’assegnazione sistematica di porti remoti alle navi di soccorso umanitario, chiediamo al governo italiano di smettere immediatamente di ostacolare le nostre attività di salvataggio”, hanno affermato in una dichiarazione congiunta. Per la vita in mare.

Un portavoce del Ministero degli Interni italiano ha rifiutato di commentare.

Meloni ha affermato nel dicembre 2022 che era necessaria un’azione dura contro le navi di beneficenza per impedire loro di fungere da “traghetti” per i migranti, andando “avanti e indietro con i trafficanti di esseri umani che trasportano persone da un paese all’altro”.

Diversi gruppi che gestiscono navi di salvataggio nel Mediterraneo centrale, tra cui Medici Senza Frontiere, Open Arms e Mediterranea Saving Humans, sono tra i 22 firmatari della dichiarazione di giovedì.

READ  Il vulcano italiano dell'Etna emette fumo e cenere in una nuova eruzione

Tra le altre cose, il decreto italiano obbliga le navi di beneficenza a dirigersi verso il porto subito dopo un salvataggio, invece di rimanere in mare per cercare altri migranti in pericolo.

Negli ultimi anni l’Italia e altri governi europei hanno assunto una posizione sempre più dura nei confronti dell’immigrazione, in mezzo al crescente sostegno ai partiti di destra che vogliono imporre severe restrizioni ai migranti che arrivano via mare dal Nord Africa.

Le ONG che non rispettano la nuova legge italiana rischiano una multa fino a 10.000 euro (10.850 dollari) e il sequestro temporaneo della loro nave. Gli enti di beneficenza hanno affermato che ciò è accaduto 16 volte su nove navi di ONG.

“In molti casi, dobbiamo scegliere tra rispettare le normative italiane sapendo che potremmo lasciare indietro persone a rischio di annegamento, o adempiere al nostro dovere legale di effettuare operazioni di salvataggio, e poi affrontare multe, detenzione e possibile confisca delle nostre navi”, ha detto la ONG.

Gli enti di beneficenza hanno affermato che, secondo il diritto marittimo internazionale, i capitani hanno il dovere di salvare le persone in pericolo in mare.

Il numero di migranti arrivati ​​in Italia via mare è balzato a oltre 157.000 lo scorso anno, dai circa 105.000 del 2022, ma il ritmo degli arrivi è rallentato negli ultimi mesi. Le persone che intraprendono il viaggio spesso lo fanno su navi affollate e inadatte alla navigazione.

(Reuters)

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x