Gli operatori sanitari, bloccati nella neve, consegnano un vaccino contro il coronavirus ai conducenti bloccati

Gli operatori della sanità pubblica stavano tornando da un sito di vaccinazione nelle zone rurali di Cave Junction, nell’Oregon. Martedì, quando rimangono bloccati in una tempesta di neve in autostrada.

Sapevano di avere solo sei ore per restituire le dosi rimanenti del vaccino contro il coronavirus alle persone che stavano aspettando i loro colpi a Grants Pass, a circa 30 miglia di distanza. Di solito il viaggio dura circa 45 minuti.

Ma con un rimorchio del trattore davanti a loro, l’equipaggio si rese conto che potevano essere bloccati per ore e le dosi sarebbero finite.

Così i lavoratori hanno deciso di andare di macchina in macchina per chiedere ai conducenti bloccati se volevano essere vaccinati, proprio lì.

“Avevamo un individuo che era così felice, si è tolto la maglietta ed è saltato fuori dall’auto”, ha detto Michael Webber, direttore della sanità pubblica nella contea di Josephine, Oregon.

Un altro destinatario, ha detto, era un impiegato dell’ufficio dello sceriffo della contea di Josephine che è arrivato tardi alla clinica di Cave Junction ma è rimasto bloccato con gli altri sulla via del ritorno a Grants Pass.

La maggior parte dei piloti ha riso dello spettacolo Il vaccino contro il coronavirus è tra l’altro Ha cortesemente rifiutato, anche se il signor Webber ha detto di avere un medico e un’ambulanza per aiutare a supervisionare l’operazione. Ha ammesso che non era il solito luogo di vaccinazione.

“E ‘stata una conversazione strana”, ha detto il signor Weber. “Immagina di essere bloccato sul ciglio della strada in una tempesta di neve e qualcuno si avvicina e dice: ‘Ehi. Ti piacerebbe una pallottola al braccio?”

READ  Giove è più grande di alcune stelle, quindi perché non abbiamo un secondo sole?

Tuttavia, il signor Weber ha detto che gli operatori della sanità pubblica avevano somministrato le sei dosi del vaccino Moderna a sei guidatori riconoscenti.

Il signor Weber l’ha descritta come “una delle operazioni più interessanti” di cui abbia mai fatto parte, e ha detto che è stata una decisione facile gestire i filmati in autostrada.

Ha detto: “Francamente, una volta che abbiamo saputo che non saremmo tornati in città in tempo per usare il vaccino, quella era solo una scelta ovvia”. “La nostra regola n. 1 ora è che niente va sprecato.”

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x