Google risolve una causa da 5 miliardi di dollari sulla privacy dei consumatori

Google risolve una causa da 5 miliardi di dollari sulla privacy dei consumatori

La filiale di Google, Alphabet, ha accettato di risolvere una causa secondo la quale avrebbe segretamente monitorato l'utilizzo di Internet di milioni di persone che pensavano di navigare in privato.

Il giudice distrettuale statunitense Yvonne Gonzalez Rogers a Oakland, in California, giovedì ha rinviato il processo previsto per il 5 febbraio 2024 nell'ambito dell'azione collettiva proposta, dopo che gli avvocati di Google e dei consumatori hanno affermato di aver raggiunto un accordo preliminare.

La causa richiedeva almeno 5 miliardi di dollari. I termini dell'accordo non sono stati resi noti, ma gli avvocati hanno affermato di aver concordato un termine vincolante attraverso la mediazione e di aspettarsi di presentare un accordo formale per l'approvazione del tribunale entro il 24 febbraio 2024.

Né Google né gli avvocati dei querelanti hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

I ricorrenti hanno affermato che i dati analitici, i cookie e le app di Google consentono all'unità Alphabet di tracciare la propria attività anche quando il browser Chrome di Google è impostato sulla modalità “incognito” e gli altri browser sono impostati sulla modalità di navigazione “privata”.

Hanno detto che ha trasformato Google in un “pool di informazioni irresponsabile” consentendo all'azienda di conoscere i loro amici, hobby, cibi preferiti, abitudini di acquisto e “cose ​​potenzialmente imbarazzanti” che cercano online.

Ad agosto, Rogers ha respinto il tentativo di Google di archiviare la causa.

Secondo lei è una questione aperta se Google abbia fatto una promessa giuridicamente vincolante di non raccogliere i dati degli utenti quando navigano in modalità privata. Il giudice ha citato la politica sulla privacy di Google e altre dichiarazioni della società che suggerivano limiti alle informazioni che avrebbe potuto raccogliere.

READ  Il nuovo modello di PS5 lanciato in Australia e pesa meno dell'originale

La causa, intentata nel 2020, riguardava “milioni” di utenti Google dal 1 giugno 2016 e chiedeva un risarcimento di almeno $ 5.000 per utente per aver violato le leggi federali sull’intercettazione e le leggi sulla privacy della California.

Il caso è Brown et al contro Google LLC et al, Corte distrettuale degli Stati Uniti, distretto settentrionale della California, n. 20-03664.

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x