Un aereo spaziale militare statunitense parte per un'altra missione segreta che dovrebbe durare anni

Un aereo spaziale militare statunitense parte per un'altra missione segreta che dovrebbe durare anni




Marcia Dunn, Associated Press

Pubblicato giovedì 28 dicembre 2023 alle 21:59 ET


Lo spazioplano spaziale X-37B dell'esercito americano è decollato giovedì per un'altra missione segreta che dovrebbe durare almeno due anni.

Come le missioni precedenti, l’aereo riutilizzabile, che assomiglia ad una piccola navetta spaziale, trasportava esperimenti segreti. Non c'è nessuno a bordo.

Lo spazioplano a bordo di un razzo Falcon Heavy di SpaceX è decollato dal Kennedy Space Center della NASA durante la notte, con più di due settimane di ritardo a causa di problemi tecnici.

Questo è il settimo volo dell'X-37B, che ha trascorso più di 10 anni in orbita dal suo debutto nel 2010.

L'ultimo volo, il più lungo fino ad oggi, è durato due anni e mezzo prima di finire sulla pista dell'aeroporto Kennedy un anno fa.

I funzionari della Space Force non hanno detto per quanto tempo questo veicolo di prova orbitale rimarrà in volo o cosa c'è a bordo oltre a un esperimento della NASA per misurare gli effetti delle radiazioni sui materiali.

L'X-37B, costruito dalla Boeing, assomiglia alle navette spaziali della NASA in pensione. Ma è solo un quarto delle sue dimensioni ed è lungo 29 piedi (9 metri). Non sono necessari astronauti; L'X-37B ha un sistema di atterraggio indipendente.

Decollano verticalmente come i razzi ma atterrano orizzontalmente come gli aeroplani e sono progettati per orbitare tra 150 e 500 miglia (da 240 a 800 chilometri) di altezza. Ci sono due aerei X-37B di stanza nell'ex hangar della navetta al Kennedy.

jQuery(document).ready( function(){ window.fbAsyncInit = function() { FB.init({ appId : '117341078420651', // App ID channelUrl : 'https://static.ctvnews.ca/bellmedia/common/channel.html', // Channel File status : true, // check login status cookie : true, // enable cookies to allow the server to access the session xfbml : true // parse XFBML }); FB.Event.subscribe("edge.create", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_like_btn_click'); });

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); };

var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=117341078420651', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

READ  La NASA condivide una splendida immagine delle "gelide dune di sabbia di Marte". Gli utenti di Internet sono in soggezione

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x