I conservatori prevalgono nel voto chiave per la nuova costituzione cilena

I conservatori prevalgono nel voto chiave per la nuova costituzione cilena

Un partito di estrema destra è in testa nel conteggio dei voti dopo che domenica i cileni hanno votato per un comitato di 50 membri per redigere una nuova costituzione.

SANTIAGO, Cile – Un partito di estrema destra ha guidato il conteggio dei voti domenica sera dopo che i cileni hanno votato per una commissione di 50 membri per elaborare una nuova costituzione dopo che gli elettori hanno respinto in modo schiacciante un patto proposto l’anno scorso che era considerato uno dei migliori al mondo . il più progressista.

È stata una sconfitta significativa per il presidente di centrosinistra del Cile, Gabriel Boric, con il voto ampiamente visto come un referendum sul suo governo, che attualmente ha un indice di gradimento intorno al 30%.

Con il 91% dei seggi elettorali segnalati, il Partito Repubblicano, guidato dall’estrema destra Jose Antonio Cast, che ha perso un ballottaggio presidenziale contro Borek nel 2021, è in testa con il 35% dei voti. Il Partito Repubblicano si oppone da tempo alla modifica della costituzione imposta dalla dittatura del generale Augusto Pinochet.

Una coalizione di partiti di sinistra allineati con Borek, Unità per il Cile è arrivata seconda con il 28% dei voti. La coalizione di centrodestra Safe Chile è terza con il 21%. I voti in bianco oa vuoto hanno rappresentato il 21% del totale.

Calcoli preliminari hanno indicato che il Partito Repubblicano si è ritrovato con circa 22 deputati nel Consiglio costituzionale, rispetto ai 17 per l’unità per il Cile e gli 11 per il Cile sicuro.

READ  Il Mali si avvicina alle aziende russe e Mosca non è coinvolta: Lavrov | Notizie Europa

Se i due gruppi di centrodestra, Repubblicani e Cile Sicuro, si unissero, potrebbe lasciare ben poco spazio agli alleati di Borik per influenzare il testo finale. Il conteggio preliminare indica che le coalizioni di sinistra non raggiungeranno i 21 seggi necessari per porre il veto o forzare il consenso su alcune questioni.

Il voto di domenica segna un passo importante negli sforzi per elaborare una nuova proposta di costituzione dopo che il 62% degli elettori ha respinto la precedente carta proposta a settembre. È stato il primo al mondo ad essere sceneggiato da una conferenza equamente divisa tra delegati maschi e femmine.

Una volta insediati, i 50 membri della commissione non partiranno da zero, ma lavoreranno da un documento iniziale redatto da 24 esperti approvati dal Congresso. La proposta della commissione dovrebbe essere presentata prima di un referendum a dicembre.

Il Congresso è riuscito a tenere sotto controllo le proteste convocando un referendum su una nuova costituzione, che l’80% degli elettori ha ritenuto necessario.

Gran parte di quell’entusiasmo sembra essere svanito. Prima del voto di domenica, i sondaggi dicevano che c’era poco interesse per il processo costituzionale.

READ  È finale: Harry e Meghan non torneranno mai più come famiglia reale lavoratrice - notizie dal mondo

“Ho deciso di votare perché è obbligatorio”, ha detto Luis Rodriguez, il settantenne pensionato che domenica ha votato, “non mi interessa il risultato”.

Un altro pensionato, David Pino, 65 anni, ha detto che anche lui ha votato per obbligo. Le multe per coloro che non votano possono arrivare fino a $ 230.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x