I cosmonauti russi arrivano alla missione della Stazione Spaziale Internazionale vestiti di giallo e blu Ucraina

Tre cosmonauti russi in missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) sono emersi da una capsula Soyuz venerdì indossando i colori della bandiera ucraina.

La missione con equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale è la prima dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio.

La navicella Soyuz che trasportava il comandante Oleg Artemyev e i suoi colleghi ingegneri di volo Sergei Korsakov e Denis Matveev – il primo equipaggio tutto russo in 22 anni – ha attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale tre ore dopo il decollo dal cosmodromo di Baikonur noleggiato dalla Russia in Kazakistan venerdì sera .

Invece delle loro solite tute da volo blu, i tre sono saliti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale in tute gialle con strisce blu.

In un video pubblicato dall’agenzia spaziale russa Roscosmos, i cosmonauti possono essere visti nei loro atipici tute gialle a una tradizionale festa di benvenuto a bordo della stazione spaziale, che segna l’inizio della loro missione di sei mesi nello spazio.

La missione arriva nel mezzo delle crescenti tensioni tra Russia e Stati Uniti per la decisione del presidente Vladimir Putin di lanciare una “operazione speciale” in Ucraina.

Mentre molti lanci pianificati sono stati ritardati dalla guerra, l’arrivo dei tre astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale è una continuazione dei due decenni di cooperazione tra i due paesi nello spazio.

La Stazione Spaziale Internazionale è stata tradizionalmente abitata da un equipaggio internazionale proveniente principalmente da Stati Uniti, Russia ed Europa. Il suo attuale equipaggio è composto da quattro astronauti della NASA, due cosmonauti russi e un astronauta dall’Europa.

Artemyev, Matveyev e Korskakov sostituiranno i russi Pyotr Dubrov, Anton Shkaplerov e l’americano Mark Vande Hay, che dovrebbero tornare sulla Terra il 30 marzo.

READ  Quasi 400 animali infettati dall'influenza aviaria nello chalet della fattoria di Leicester

Inizialmente si temeva che la Russia potesse rifiutarsi di consentire a Vandi Hai di tornare sulla Terra a bordo di una capsula Soyuz, lasciandolo bloccato nello spazio in risposta alle sanzioni statunitensi contro la Russia.

Anche il capo di Roscosmos, Dmitry Rogozin, ha alzato le sopracciglia nei giorni successivi all’invasione iniziale quando ha suggerito che la Stazione Spaziale Internazionale potrebbe schiantarsi dall’orbita terrestre inferiore verso gli Stati Uniti o l’Europa a causa delle sanzioni occidentali contro la Russia.

“Se impedisci la cooperazione con noi, chi salverà la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) dall’orbita incontrollata e cadrà negli Stati Uniti o in Europa?” Rogozin ha twittato.

In risposta, la NASA ha dichiarato in una dichiarazione che “continua a lavorare con Roscosmos e gli altri nostri partner internazionali in Canada, Europa e Giappone per mantenere operazioni sicure e continue per la Stazione Spaziale Internazionale”.

“Non sono previste modifiche al supporto dell’agenzia per le operazioni in orbita e delle stazioni di terra. Nuove misure di controllo delle esportazioni continueranno a consentire la cooperazione spaziale tra Stati Uniti e Russia”, ha aggiunto.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x