I pubblici ministeri italiani stanno aprendo un’indagine dopo che un aggressore del placebo ha definito Meloni un fascista, dicono i rapporti

I pubblici ministeri italiani stanno aprendo un’indagine dopo che un aggressore del placebo ha definito Meloni un fascista, dicono i rapporti

La procura di Torino ha aperto un’inchiesta dopo che il cantante del gruppo britannico Placebo ha insultato il premier Giorgia Meloni durante un concerto l’11 luglio.

ROMA – La Procura di Torino avrebbe aperto un’inchiesta dopo che la cantante del gruppo britannico Placebo avrebbe insultato il premier Giorgia Meloni durante un concerto dell’11 luglio, definendola fascista e razzista.

Le agenzie di stampa La Presse e ANSA hanno affermato che l’inchiesta sulla presunta “diffamazione” è nata da un rapporto della polizia della gendarmeria sui commenti di Brian Molko durante un’esibizione al festival Sonic Park di Stupenegi, vicino a Torino. La Presse ha riferito che a partire da lunedì Molcho non era stato indagato.

Secondo un video sul cellulare diffuso sui social, Mocco ha detto in italiano: “Giorgia Meloni: un pezzo di (imprecazione); fascismo e razzismo (imprecazione)”.

La legislatrice di Fratelli d’Italia Augusta Montaroli è stata citata da La Presse dicendo: “Non possiamo lasciare che un evento internazionale che attira così tante persone (in Italia) sia rovinato da parolacce che mirano, in mezzo al silenzio pubblico, ad attaccare le istituzioni della repubblica”.

READ  Eurovision: Flo Reda ha confermato che si esibirà dal vivo a Rotterdam con la squadra sammarinese Sinehit

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x