I Rumer di Primavera reagiscono al viaggio del Nord Italia

La primavera a Roma ha recentemente viaggiato a Venezia, Firenze e Siena. Foto inviata da Giovanni Del Piero.

La scorsa settimana i Roomers hanno intrapreso la famosa Spedizione nel Nord Italia, il viaggio che è il segno distintivo dell’aula a Roma. Per cinque giorni, la nostra classe ha avuto la possibilità di esplorare le famose città di Venezia e Firenze per un giorno e mezzo ciascuna, seguite da Siena per alcune ore. I Romer hanno avuto quanta più esperienza possibile da ogni città con il nostro tempo limitato. Gite in gondola, mercanteggiamenti fiorentini in pelle e un concerto di Vivaldi sono stati solo alcuni dei grandi momenti salienti di questo viaggio indimenticabile.

Ma non credermi sulla parola. Ho avuto modo di intervistare cinque miei colleghi che hanno fatto anche questo viaggio nel Nord Italia. Ognuno ha avuto la propria esperienza unica, piena di diverse attività, lezioni e sfide che aiutano a dipingere un quadro completo di come sarà questo viaggio per il potenziale Rumer.

La reazione al viaggio nel suo insieme è stata incredibilmente varia. Andrew Bilkaw, uno studente del secondo anno che si specializza in inglese, pensa che il viaggio potrebbe essere stato il suo preferito finora, in particolare la parte di Venezia.

“Ho detto molte volte che quando andrò in pensione, mi ritirerò a Venezia”, ​​ha detto Birkaw. Ha sottolineato il suo amore per molti negozi e l’atmosfera generale, che era vibrante e calma. “Devi andare in gondola mentre sei lì”, che alla lunga vale venti euro.

Sarah Freund, una studentessa del secondo anno di economia, ha classificato il viaggio da qualche parte nel mezzo rispetto ad altri viaggi che ha fatto finora come Assisi. Parte del suo ragionamento era che mentre Siena era una città meravigliosa da visitare, si sarebbe potuto trascorrere più tempo in città se il programma fosse cambiato.

READ  Anteprima: San Marino vs Islanda - Pronostici, notizie squadre, formazioni

“Avevamo così tanto tempo libero a Venezia e Firenze che avremmo potuto spostarne una parte per trascorrere di più a Siena”, ha detto Freund, osservando che non solo i Rumers avrebbero potuto trascorrere un’intera giornata a Siena, ma che avrebbero potuto arrivarci nel tempo anche precedente.

Emily Polit-Dietrich, una studentessa di economia del secondo anno, pensava che Firenze fosse troppo simile a Roma, ma amava Venezia.

Inoltre, il viaggio era più lungo e alla fine lei e gli altri erano così sfiniti dal viaggio che a Sienna non interessava. “Eravamo così stanchi del finale che molte persone volevano solo andare a casa”, ha detto Dietrich.

Parte della bellezza di questi viaggi è che, sebbene siano programmati a scuola con alcune restrizioni che non si vedono nei lunghi viaggi indipendenti del fine settimana, ognuno ha l’opportunità di scegliere le proprie attività con gli insegnanti che guidano il tour. Questo limitato senso di indipendenza crea una varietà di storie diverse che possono emergere da un solo viaggio come nel nord Italia.

La biologa Junior Isabella Brizzuto de Lima ha fatto un tour dell’Opera di Venezia dove in una stanza ha iniziato a cantare le lodi e l’incoraggiamento di alcuni spettatori locali che hanno iniziato a entrare nella stanza.

“E ‘stato davvero surreale”, ha detto Lima, soprattutto in una stanza in cui si erano esibiti in precedenza famosi cantanti d’opera come Maria Cala.

Carla Espinosa, studentessa del secondo anno laureata in economia, è riuscita a trovare in Italia un ristorante specifico dove i menù sono scritti a mano ogni giorno. Gli studenti del dottor Anthony Neusmayr lo ricorderanno dal corso di italiano del primo anno a Irving. E Freund riuscì a salire in cima al famoso Duomo di Firenze, nonostante tutte le scale.

READ  Airbnb affronterà i concerti del 4 luglio a San Marino

“È sicuramente un esercizio, ma la vista vale sicuramente la pena salire”, ha detto Freund.

Sebbene gli studenti abbiano esperienze diverse in città diverse, un aspetto della parte di Firenze del viaggio che molti considerano un rito di passaggio in UD è la visita ai famosi Mercati della Pelle, una raccolta di venditori ambulanti e negozi che vendono – presumibilmente – articoli in vera pelle come giacche Cinture e borse. Se vedi qualcuno che cammina per il campus di Irving con una bella giacca di pelle o una borsa, ci sono buone probabilità che lo trovi a Firenze.

Tuttavia, gli studenti del semestre primaverile di Roma hanno avvertito i futuri Roomers di non essere avventati nell’acquistare una giacca. Parte del processo prevede la contrattazione con i fornitori e alcuni di loro non sono sempre eccezionali.

“È piuttosto spaventoso quando entri per la prima volta”, ha detto Lima, sottolineando che i potenziali acquirenti devono assicurarsi di acquistare qualcosa che vogliono davvero e non solo perché hanno fatto un buon affare.

Espinosa ha notato che se conosci l’italiano, hai molte più possibilità di ottenere un buon affare. “Il negoziante sapeva che non parlavo italiano come prima lingua, ma si è complimentato con il mio italiano e mi ha fatto uno sconto sulla mia capacità di parlare”, ha detto Espinosa, ed è riuscita a prendere due borse di pelle per soli 55 euro. Ma alla fine, non è per tutti.

Come ha sottolineato Dietrich, “Solo perché tutti a Roma fanno qualcosa non significa che devi farlo anche tu”. Si può ottenere qualcosa di diverso come una cintura o una borsa, oppure evitare del tutto i mercati e godersi Firenze.

READ  Sulle spiagge italiane, cani appositamente addestrati fungono da audaci bagnini

La lezione generale appresa dalle interviste è che il viaggio è buono solo come lo fai. Hanno suggerito che con il tempo limitato in ogni luogo, dovresti sfruttarlo al meglio ed esplorare le caratteristiche uniche che ogni città ha da offrire. Brelcaw ha detto che quando sei a Venezia, ad esempio, abbandona Google Maps e vai a esplorare la città.

“I taxi d’acqua sono molto utili”, anche se Brylkau ha anche affermato che una passeggiata per la città ti darà anche splendidi panorami e luoghi da visitare. Dietrich ha anche notato la famosa vetreria veneziana, che presenta bellissimi dipinti, statue e bicchieri di vino.

Un altro consiglio importante è quello di aiutarti a immergerti al meglio in ogni luogo. Ad esempio, le chiese sono luoghi di visita popolari a causa del loro significato religioso, storico e artistico. Alcuni studenti iniziano a sentirsi “impigliati” e vogliono visitare altri siti.

Tuttavia, Freund ha osservato che questo non dovrebbe essere il caso. “C’è qualcosa nell’essere in una bella chiesa e andare a messa e non capire la lingua, ma sai comunque cosa sta succedendo”. Ha sottolineato che si dovrebbe trattare la chiesa come un luogo sacro piuttosto che come un’attrazione turistica che potrebbe aiutare a ridurre quella sensazione.

Non tutti i viaggi cambieranno la tua vita e, a volte, non otterrai il soggiorno che speravi. Ma come hanno chiarito tutti questi intervistati, hai la responsabilità parziale di sfruttare al meglio ogni luogo che visiti. Ci sono grandi ricordi e tempi, ma sta a te realizzarli.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x