I sospettati dell'attacco allo zafferano rivendicano collegamenti con l'Ucraina in nuove clip di interrogatori

I sospettati dell'attacco allo zafferano rivendicano collegamenti con l'Ucraina in nuove clip di interrogatori

I quattro presunti uomini armati nell'attacco mortale ad una sala da concerto di Mosca il mese scorso Egli ha detto È stato loro promesso un passaggio sicuro per l'Ucraina e una ricompensa finanziaria in nuovi filmati di interrogatori trasmessi dalla televisione di stato.

Con funzionari russi puntando a Incolpare l’Ucraina e i suoi partner occidentali per l’attacco del 22 marzo al municipio di Crocus, che ha provocato almeno 145 morti e centinaia di feriti, nonostante il gruppo Stato Islamico abbia rivendicato la responsabilità del massacro. Kiev e l'Occidente negano ogni coinvolgimento e accusano Mosca di sfruttare la tragedia per ragioni propagandistiche.

I quattro principali sospettati hanno risposto in video separati alla domanda “Verso Kiev: cosa intendeva fare il vostro gruppo dopo l’attacco terroristico?”

L'affidabilità delle informazioni ottenute durante gli interrogatori della polizia è stata messa in discussione dopo che i sospettati sono comparsi in tribunale con chiari segni di maltrattamenti, mentre foto e video non verificati circolati online suggerivano che fossero stati torturati.

Le forze dell'ordine russe hanno arrestato i quattro sospetti la mattina dopo l'attacco, avvenuto nella regione di Bryansk, nella Russia occidentale, al confine con Ucraina e Bielorussia.

Funzionari russi, incluso il presidente Vladimir Putin, hanno affermato che gli uomini sono stati sorpresi mentre guidavano verso l'Ucraina.

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, in dichiarazioni che contraddicono le affermazioni di Mosca, ha indicato che i sospettati inizialmente hanno tentato di entrare in Bielorussia, ma sono stati accolti con rigide misure di sicurezza.

Secondo il rapporto di domenica, che non è stato possibile verificare in modo indipendente, le forze ucraine hanno sminato il confine in previsione dell'arrivo dei sospettati.

READ  Biden e Netanyahu hanno discusso della possibilità di una pausa tattica negli attacchi a Gaza

Una volta a Kiev, secondo quanto riferito, furono promessi 1 milione di rubli (10.800 dollari) ciascuno. Uno dei sospettati aveva precedentemente affermato che gli erano stati promessi 500.000 rubli (5.400 dollari).

Il rapporto affermava inoltre che tre dei quattro sospettati erano sotto l’effetto di farmaci che producevano adrenalina e “inducevano uno stato di euforia narcotica”.

Ha inoltre respinto la rivendicazione di responsabilità dell'Isis per l'attacco, descrivendolo come propaganda promossa dai media occidentali e da “agenti stranieri”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x