I tre anni brutali dell'immigrato nel tentativo di raggiungere l'Italia hanno ispirato il film candidato all'Oscar “Io Capitano” – Winnipeg Free Press

I tre anni brutali dell'immigrato nel tentativo di raggiungere l'Italia hanno ispirato il film candidato all'Oscar “Io Capitano” – Winnipeg Free Press

CASTEL VOLTURNO, Italia (AP) – Il viaggio epico e incendiario di Mamadou Kouassi attraverso i deserti africani, oltre le prigioni illegali e attraverso il Mediterraneo su una barca di contrabbandieri, informa il film candidato all'Oscar “Io Capitano” del regista italiano Matteo Garrone. Alcuni degli eventi a cui l'immigrato ivoriano ha assistito durante il suo viaggio di tre anni erano troppo potenti perché potesse arrivare alla fine.

Il film di Jaroni, nominato nella categoria Miglior lungometraggio internazionale, segue il viaggio di due adolescenti che seguono una rotta migratoria dal Senegal attraverso il deserto del Niger fino alla Libia, dove si imbarcano su una barca arrugginita di contrabbandieri piena di migranti.

I trafficanti costringono uno dei ragazzi a “capitare” la barca perché non verrà imprigionato in Italia come minorenne.

L'attore senegalese Mustapha Fall scatta foto per il film Io Capitano (Me Captain) a Fregen, vicino Roma, sabato 3 febbraio 2024. Il 96esimo film nominato all'Oscar del regista Matteo Garrone Io Capitano (Me Captain) è ispirato a Mamadou Kouassi, un immigrato che ha compiuto il viaggio dalla sua terra natale, la Costa d'Avorio, all'Italia e ora dedica la sua vita a lavorare con i migranti a Castel Volturno, una città povera vicino Napoli, nel sud Italia, dove vivono migliaia di migranti dall'Africa. (AP Photo/Domenico Stinellis)

Nel film, nessuno muore durante il pericoloso passaggio. Ma sulla barca di Kwasi morirono delle persone. “Sono stato fortunato a sopravvivere.”

Kwasi, che ha completato il suo viaggio nel 2008 e ha dato consulenza a Garoni per la realizzazione del film, fornisce dettagli orribili sulla tortura che contribuiscono al potente messaggio del film, tra cui il rogo e il pestaggio dei prigionieri, così come la sua esperienza come schiavo che lavorava come muratore in la villa nel deserto di un ricco uomo libico.

Sono stati tagliati episodi più espliciti, inclusi ripetuti casi di donne violentate da trafficanti lungo il percorso, o scene di migranti che non possono fornire contatti familiari ai trafficanti per ricattarli, vengono riportati nel deserto e lasciati morire.

“Mathieu l'ha rimosso perché vogliamo che il film raggiunga un vasto pubblico”, ha spiegato Kwasi.

READ  Il defunto vincitore di Eriksen manda l'Inter in semifinale di Coppa Italia dove Ibrahimovi vede il rosso

I film precedenti di Garrone includono il film drammatico sulla criminalità organizzata del 2008 “Gomorra” e il film fantasy del 2019 “Pinocchio” con Roberto Benigni. Il regista italiano ha scelto due studenti liceali senegalesi, Seydou Sarr e Mustapha Fall, per interpretare gli eroi adolescenti. Sarr ha vinto il Premio Marcello Mastroianni come miglior attore esordiente al Festival del cinema di Venezia, dove il film è stato presentato in anteprima.

Nel film, i ragazzi sono attratti dall'Europa dal sogno di diventare cantanti alimentato dai video di TikTok. Nella vita reale, gli attori avevano poca conoscenza degli orrori della rotta dei migranti prima di iniziare le riprese nel loro paese natale, il Senegal.

“Mathieu ha realizzato questo film per farti vedere cosa succede realmente e la realtà di ciò che noi (africani) attraversiamo venendo in Europa”, ha detto Sarr.

Le vite di Saar e Val sono state sconvolte dall'improvviso successo del film, e sin dalle riprese hanno diviso il loro tempo tra la casa al mare della madre di Garrone vicino a Roma e il tour delle città per promuovere “Io Capitano”. Entrambi sognano di continuare a recitare e Sarr spera di diventare una stella del calcio.

Kwasi, 40 anni, ha invece continuato la sua attività di mediatore culturale nella città di Castel Volturno, vicino Napoli, dove aiuta i migranti a ottenere documenti di lavoro e assistenza sanitaria. Ha già in mente un seguito: la sua vita dopo essere arrivato in Italia, dove si trovava tra orde di giovani africani sfruttati per lavorare 10 ore al giorno raccogliendo pomodori e arance per soli 10 euro al giorno.

READ  Gabrielle Union scuote la tendenza del bikini invertito mentre vive la sua vita migliore in Italia

Il suo sogno è che “Io Capitano” influenzi la politica dell’immigrazione in tutto il mondo focalizzando l’attenzione pubblica su atrocità spesso indicibili.

Egli sottolinea l'attenzione rivolta alle migliaia di persone che muoiono ogni anno attraversando il Mediterraneo centrale, mentre nessuno sa quante persone muoiono nei deserti. Ha aggiunto: “E in queste carceri, nessuno sa quante persone muoiono al loro interno”.

Gli attori senegalesi Seydou Sarr, a destra, e Mustapha Fall scattano selfie per il film Io Capitano a Fregene, vicino Roma, sabato 3 febbraio 2024. Entrambi lavorano alla 96esima edizione degli Academy Awards per Io Capitano di Matteo Garrone ).  Il film nominato è ispirato a Mamadou Kouassi, un immigrato che ha compiuto il viaggio dalla sua nativa Costa d'Avorio all'Italia e ora dedica la sua vita a lavorare con i migranti a Castel Volturno, una città povera vicino Napoli, nel sud Italia, dove vivono migliaia di migranti dall'Africa .  Lui vive.  (AP Photo/Domenico Stinellis)
Gli attori senegalesi Seydou Sarr, a destra, e Mustapha Fall scattano selfie per il film Io Capitano a Fregene, vicino Roma, sabato 3 febbraio 2024. Entrambi lavorano alla 96esima edizione degli Academy Awards per Io Capitano di Matteo Garrone ). Il film nominato è ispirato a Mamadou Kouassi, un immigrato che ha compiuto il viaggio dalla sua nativa Costa d'Avorio all'Italia e ora dedica la sua vita a lavorare con i migranti a Castel Volturno, una città povera vicino Napoli, nel sud Italia, dove vivono migliaia di migranti dall'Africa . Lui vive. (AP Photo/Domenico Stinellis)

Kwasi, i due giovani attori e il regista si trovano attualmente negli Stati Uniti per promuovere il film “Io Capitano” nella campagna degli Oscar. Durante le recenti proiezioni a Los Angeles, San Francisco e New York, ha affermato che il pubblico è rimasto commosso dalla rappresentazione del film delle difficoltà affrontate dagli immigrati, e molti se ne sono andati convinti che “bisogna fare qualcosa”.

“Crediamo che questo film, 'Io Capitano', dovrebbe essere uno dei potenti strumenti per i governi, e per il mondo intero, per cambiare la politica sull'immigrazione”, ha detto Kwasi.

Inoltre, Kwasi è stato invitato nelle scuole italiane per parlare con gli studenti dopo la proiezione del film.