I voli di soccorso canadesi in Sudan sono stati interrotti a causa di problemi meccanici e della sparatoria su un aereo turco

I voli di soccorso canadesi in Sudan sono stati interrotti a causa di problemi meccanici e della sparatoria su un aereo turco

Il ministro degli Affari globali Canada e della Difesa Anita Anand ha dichiarato che due voli di evacuazione canadesi sono usciti sani e salvi da Khartoum venerdì scorso dopo che due voli erano stati precedentemente cancellati per far uscire i canadesi dalla zona di guerra.

Anand ha dichiarato in un tweet su Twitter che l’esercito canadese rimarrà “pronto a intraprendere voli finché le condizioni lo consentiranno”.

Uno dei voli di evacuazione pianificati dal Canada verso il Sudan ha avuto problemi meccanici all’inizio di venerdì nel vicino paese di Gibuti e ha dovuto essere cancellato.

Un secondo volo canadese, che includeva un trasporto C-130J Hercules, è stato cancellato dopo che un aereo di soccorso turco è stato colpito da una delle parti in guerra.

I problemi sono sorti appena un giorno dopo che il Canada ha iniziato la sua tanto attesa missione umanitaria nel Paese dell’Africa orientale, che ora è nel bel mezzo di un inquieto cessate il fuoco tra le due fazioni in guerra.

Il Canada ha iniziato i voli di evacuazione da Gibuti. Due velivoli sono stati assegnati alla missione.

Anand, parlando pubblicamente all’inizio di venerdì, non ha detto dove il C-130J avesse i suoi problemi meccanici, o quale fosse la natura del problema.

“Dobbiamo garantire che ciò avvenga in modo sicuro e questa è la domanda sul tavolo ora”, ha detto Anand ai giornalisti di Availability Media a Dartmouth, NS.

GUARDA: Il Segretario alla Difesa fornisce un aggiornamento sullo sforzo di evacuazione

Il ministro della difesa ha detto che circa 250 canadesi sono stati evacuati dal Sudan

Il ministro della Difesa nazionale Anita Anand ha affermato che il Canada ha tre aerei nella regione e che i voli riprenderanno “il prima possibile”.

READ  I sondaggi d'opinione mostrano che il partito di centrodestra è in testa alle elezioni portoghesi Notizie sulle elezioni

Canadesi e altri stranieri sono stati coinvolti nel fuoco incrociato del conflitto civile in Sudan dopo che la scorsa settimana sono scoppiate violenze tra le forze militari e paramilitari del paese dell’Africa orientale.

I canadesi in attesa sulla pista di atterraggio venerdì hanno affermato di essere stati lasciati fuori la maggior parte del tempo con poca acqua o cibo e quasi senza informazioni.

ha detto Safia Mostafa, cresciuta a Saint Catherine, Ont. Ma ora vive a Calgary: “È l’esercito britannico che fornisce cibo, acqua e tutto ciò di cui la gente ha bisogno”. “È stato davvero utile. Aiuta le persone a portare avanti e indietro le loro borse.”

Il personale militare canadese che assiste gli sforzi di evacuazione in Sudan sembra sopraffatto, ha detto a CBC News Safiya Mustafa di Calgary.
Il personale militare canadese che assiste gli sforzi di evacuazione in Sudan sembra sopraffatto, ha detto a CBC News Safiya Mustafa di Calgary. (Notizie CBC)

Una manciata di militari canadesi sul campo stavano “facendo del loro meglio… per comunicare con noi”, ha detto Mostafa, ma sembrava nervoso.

“Penso che molto sia fuori dal loro controllo”, ha detto.

La fragilità della tregua sudanese è stata sottolineata venerdì dalle notizie secondo cui un aereo di evacuazione turco è finito sotto il fuoco di una base aerea fuori dalla capitale sudanese, Khartoum, mentre stava per atterrare.

Il ministero della Difesa turco ha detto che nessuno è rimasto ferito e l’aereo è atterrato sano e salvo a Wadi Saydna, dove era in fase di controllo.

L’esercito sudanese ha accusato i combattenti delle fazioni paramilitari con la fazione delle forze di supporto rapido per l’attacco agli aerei turchi. La RSF ha negato le accuse, affermando di essere impegnata nell’estensione della tregua umanitaria.

Le due parti hanno concordato giovedì scorso di estendere di tre giorni il cessate il fuoco, che doveva scadere.

Oltre alle preoccupazioni per la sicurezza, Anand ha affermato che le condizioni della pista dell’aeroporto militare sudanese sono una preoccupazione crescente per il Canada e i suoi alleati.

READ  Mio padre è stato ucciso mentre recuperava un giocattolo che aveva gettato suo figlio fuori dalla finestra in autostrada

“Il terreno dell’aeroporto è estremamente accidentato e richiede una valutazione costante da parte dei nostri funzionari e alleati che gli aerei possano decollare in sicurezza”, ha affermato.

Venerdì scorso, un alto funzionario della difesa a Ottawa ha affermato che la finestra per l’evacuazione aerea dal Sudan si stava chiudendo rapidamente e che si stavano sviluppando opzioni per Global Affairs per portare i canadesi via terra a Port Sudan, dove si trovano una nave da guerra canadese, una nave di rifornimento e alleati. Le navi stanno aspettando.

Ma ciò comporterebbe un pericoloso viaggio di 800 chilometri attraverso un cessate il fuoco che regge a malapena.

“I due eserciti coinvolti, l’esercito sudanese e le forze di supporto rapido, potrebbero non essere strettamente controllati come vorremmo in termini di comando e controllo”, ha detto il maggiore generale in pensione Dennis Thompson, ex comandante delle forze speciali. “Sebbene possa esserci un cessate il fuoco, ciò non significa necessariamente che i soldati sul campo ricevano il messaggio”.

Global Affairs Canada afferma che finora più di 300 canadesi sono stati evacuati.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x