Il canadese Dirk Gee arriva secondo per la quarta volta al Giro d’Italia

Il canadese Dirk Gee arriva secondo per la quarta volta al Giro d’Italia

Pubblicato il 26 maggio 2023 alle 16:40 ET

I ciclisti salgono sul passo Valparola durante la 19a tappa del Giro d’Italia, la corsa ciclistica del Giro d’Italia, da Longarone a Tre Quame di Lavaredo, Italia, venerdì 26 maggio 2023 (Marco Alpozzi/LaPresse via AP)


TRE CIME DI LAVAREDO – Il canadese Derek Gee ha ottenuto il secondo posto per la quarta volta al Giro d’Italia venerdì, finendo dietro al colombiano Santiago Buitrago nell’estenuante tappa 19.

Buitrago ha chiuso con 51 secondi di vantaggio su Gee e 1 minuto e 46 secondi su Magnus Cort e Primoz Roglič, che avevano appena perso ulteriori secondi. Buitrago ha catturato Guy, l’unico canadese in gara, a 1,5 chilometri dalla fine.

Il 25enne di Ottawa, al suo primo evento Grand Tour, ha collezionato finora sei piazzamenti tra i primi cinque nelle sue 19 tappe, quattro secondi e quaranta.

Gee è al 22esimo posto assoluto. Arriva secondo dopo l’italiano Jonathan Millan nella corsa a punti e secondo dietro al francese Thibaut Pinot nella classifica dei re della montagna.

Geraint Thomas ha mantenuto la sua candidatura per diventare il più anziano campione del Giro d’Italia anche se venerdì ha visto il suo vantaggio leggermente ridotto da Roglic, il suo rivale più diretto, nella tappa più dura della corsa.

Il 37enne Thomas, che corre con Ineos Grenadiers, ha un vantaggio di 26 secondi su Roglič all’inizio della penultima tappa di sabato. Il terzo classificato Joao Almeida ha perso più tempo ed era a 59 secondi da Thomas.

Roglic ha superato la vetta della cosiddetta “Queen’s Stage” con tre secondi di vantaggio su Thomas al termine dell’ultima tappa della gara sulla strada di montagna.

READ  Salvini della Lega italiana dice che Draghi non può far passare le riforme promesse

Non c’erano tratti pianeggianti e cinque salite difficili e segrete sul percorso di 183 chilometri (114 miglia) da Longarone alle Tre Cime di Lavaredo, che aveva pendenze fino al 18%. La tappa prevedeva un’altitudine di 5.400 metri.

Roglic ha cambiato moto poco prima dell’inizio della penultima salita e si è mosso all’interno dell’ultimo chilometro. Tuttavia, Thomas è riuscito a tenere la sua ruota e il ciclista britannico ha sferrato il suo attacco negli ultimi 500 metri e sembrava spingere un po’ più in là il suo avversario.

Ma Roglic è tornato e ha guadagnato quelli che potrebbero essere pochi secondi vitali.

Il vincitore sarà probabilmente deciso nella cronometro in montagna di sabato che si concluderà con un’impegnativa salita del Monte Losari, con dislivelli di oltre 1.000 metri (3.000 piedi) e pendenze fino al 22 percento.

La gara di domenica si è conclusa con un finale per lo più festoso a Roma, poiché Thomas è riuscito a battere il record di età precedentemente detenuto da Fiorenzo Magni, che aveva 34 anni quando vinse nel 1955.

READ  FIA Karting - conquista bene i primi posti in Italia

Gee stands 22nd in the overall standings. He is second behind Italy's Jonathan Milan in the points race and second behind France's Thibaut Pinot in the King of the Mountain standings.

Geraint Thomas maintained his bid to become the oldest Giro d’Italia champion although he saw his lead cut slightly by Roglič, his closest rival, on Friday on the toughest stage of the race.

The 37-year-old Thomas, who rides for Ineos Grenadiers, is 26 seconds ahead of Roglič going into what will be a decisive penultimate stage on Saturday. Third-place João Almeida lost more time and was 59 seconds behind Thomas.

Roglič crossed the summit finish of the so-called “Queen Stage” three seconds ahead of Thomas at the end of the race’s final mountain road leg.

There were no flat sections and five tough, classified climbs on the 183-kilometre (114-mile) route from Longarone to the Tre Cime di Lavaredo, which had gradients of up to 18 percent. The stage featured an altitude gain of 5,400 metres.

Roglič changed his bicycle shortly before the start of the penultimate climb and he made his move inside the final kilometre. However, Thomas was able to stick to his wheel and the British cyclist made his own attack in the final 500 metres and looked to have slightly distanced his rival.

But Roglič came back and gained what could be a vital few seconds.

The winner will likely be decided in Saturday’s mountain time trial that ends in a demanding climb up Monte Lussari, with an elevation of over 1,000 metres (3,000 feet) and gradients of up to 22 percent.

READ  Leader di baseball alla San Gabriel Valley High School, 24 marzo - Pasadena Star News

The race ends Sunday in a mostly ceremonial finish in Rome, where Thomas could beat the age record held by Fiorenzo Magni, who was 34 when he won in 1955.

-->

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x