Il caso dell’Agente Orange: dopo la sconfitta, una donna, 79 anni, si impegna a continuare a combattere | Notizie sull’ambiente

Parigi, Francia – Lo storico processo tra una donna vietnamita francese di 79 anni e 14 società chimiche multinazionali sarebbe sempre stato una battaglia legale tra David e Juliath.

Tran to Nga soffre di cancro al seno, diabete di tipo 2, problemi cardiaci e polmonari, rara sensibilità all’insulina e altre gravi malattie.

Nel 1966 lavorava come corrispondente di guerra in Vietnam e si nascondeva in un tunnel sotterraneo con combattenti della Resistenza.

Quando è uscito per un po ‘, è stato prima spruzzato con un erbicida altamente tossico, noto come Agent Orange, che è stato utilizzato dalle forze armate statunitensi durante la guerra del Vietnam.

Come molti altri vietnamiti, sente ancora i suoi effetti devastanti e afferma di essere una vittima dell’erbicida.

Nel 2014, Tran ha citato in giudizio 14 società agrochimiche che hanno prodotto e venduto Agent Orange alle forze armate statunitensi, comprese le società statunitensi Dow Chemical e Monsanto, ora di proprietà del gigante tedesco Bayer.

Lunedì 10 maggio, un tribunale francese ha archiviato il caso, descrivendo le denunce di Tran come “inaccettabili”, dicendo che non aveva giurisdizione per decidere in una causa relativa alle azioni del governo degli Stati Uniti in tempo di guerra.

Nonostante questa battuta d’arresto, Tran resta determinato a continuare la lotta per la giustizia “per tutte le vittime dell’Agente Orange”.

Giustizia e legge non si incontrano. Questo è stato dimostrato oggi, ma prima o poi lo è [justice] Verrà “, disse Tran all’isola.

Su richiesta di Tran, i suoi tre avvocati dello studio legale Bourdon & Associates a Parigi, che agiscono gratuitamente, faranno appello contro il verdetto.

READ  5 membri della stessa famiglia sono stati trovati morti e forse uccisi

In una dichiarazione rilasciata martedì, hanno affermato che la sentenza “applica una vecchia definizione del principio di immunità giudiziaria” e che il livello di diossina nell’Agente Orange è responsabilità delle società accusate.

Secondo la Vietnamese Society of Victims of Agent Orange (VAVA), le forze armate statunitensi hanno spruzzato quasi 80 milioni di litri (21 milioni di galloni) di sostanze chimiche tossiche durante la guerra del Vietnam tra il 1962 e il 1971, come parte dell’operazione Hand Farm, inclusi 366 kg ( 740 libbre) di diossina ha attraversato un quarto del territorio nel sud del Vietnam.

La diossina, che si trova nell’agente Orange, è una delle sostanze chimiche più pericolose conosciute dalla scienza.

Ha inquinato il suolo e distrutto l’ecosistema nella maggior parte della regione e si è diffuso in Laos e Cambogia. Molti tipi di animali e piante sono scomparsi e, dopo essersi diffusi a pesci e gamberetti, le diossine hanno contaminato gli esseri umani.

VAVA stima che 4,8 milioni di persone in Vietnam soffrono di malattie o disabilità a causa dell’esposizione all’Agente Orange.

Come Tran, molti vietnamiti – anche due generazioni dopo – soffrono ancora di malattie legate a questa esposizione, tra cui leucemia, morbo di Parkinson, malattia di Hodgkin, cancro e difetti alla nascita.

La stessa Tran ha perso la figlia di 17 mesi per un difetto cardiaco.

Anche l’agente Orange ha lasciato un’impronta cupa sull’eredità del Vietnam.

La dottoressa Nguyen Van Choi Mai, una scrittrice e giornalista vietnamita che scrive molto all’indomani della guerra del Vietnam, ha detto che “ricordava molto chiaramente” come – da bambina – i suoi genitori discutevano se mangiassero pesce pescato nel delta del Mekong, che è stato mutilato.

READ  Giappone, Stati Uniti e Francia stanno conducendo esercitazioni militari guardando alla presenza cinese

Alla fine lo mangiarono, perché stavano morendo di fame e perché le ripercussioni dell’agente Orange non furono note fino a molto tempo dopo.

Usiamo la parola “veleno”, [for Agent Orange]Nguyen ha detto ad Al Jazeera.

Sono cresciuto in campagna e le persone usano la parola “veleno” solo perché sanno che è tossico. Può uccidere piante e animali, può uccidere gli esseri umani “.

La scrittrice sperava che Tran sarebbe stato il primo civile vietnamita a vincere una causa per ammettere la sua malattia, e ha pianto dopo il verdetto.

I veterani degli Stati Uniti, dell’Australia e della Corea sono stati compensati per i postumi causati dall’agente Orange, in particolare attraverso il fondo di liquidazione dell’agente arancione di $ 180 milioni nel 1984, ma non è stato ancora espresso alcun giudizio a favore del risarcimento per un sud-est -Vittima asiatica.

Queste varie sentenze hanno visto gli attivisti descrivere il caso Tran come un esempio di “razzismo ambientale”, un concetto emerso durante il movimento per la giustizia ambientale negli anni ’70.

Il vero punto è: perché questi doppi standard? Perché gli americani sono stati risarciti e perché i vietnamiti non sono stati risarciti? Lo ha detto ad Al Jazeera Thuy Tin Ho, il coordinatore del Comitato di supporto Tran To Nga.

Un altro termine nel movimento di controcultura durante la guerra del Vietnam, che gli avvocati di Tran accusarono di compagnie agrochimiche, era “genocidio ambientale” – usato per descrivere l’estrema distruzione dell’ambiente.

In una dichiarazione inviata ad Al Jazeera, un portavoce della Bayer ha dichiarato di essere d’accordo con la decisione del tribunale di respingere completamente le accuse e che gli appaltatori in tempo di guerra “non sono responsabili per eventuali presunti danni associati all’uso da parte del governo di un tale prodotto in tempo di guerra”.

READ  Avvocati pro-Trump che hanno intentato una piccola causa per frode elettorale per pagare gli imputati che hanno citato in giudizio: giudice

Sabato si svolgerà una marcia annuale contro la Monsanto Bayer e altri giganti dell’agrochimica e si prevede che attiri migliaia di persone in tutta la Francia.

Il caso di Tran è stato evidenziato come uno dei principali appelli della marcia.

Secondo Thuy Tien Ho, Tran è diventato un “simbolo” della lotta per la giustizia ambientale in Francia.

Mentre i suoi cari rimangono preoccupati per la sua salute – le sue due figlie la chiamano ogni mattina per controllare che sia ancora viva – Tran è quella che risolleva il morale di tutti.

Sebbene la sua squadra fosse delusa dal verdetto, lo vide come una vittoria, poiché il caso ha sensibilizzato con successo le vittime dell’agente Orange.

Ha detto: “La nostra causa è giusta, e so che se ho una causa giusta, deve essere difesa”.

“Ciò che dimostra che il mio caso è giusto è che ho iniziato da solo e ora centinaia di migliaia di persone mi supportano in tutto il mondo”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x