Il cinese Xi chiede una “via razionale” per uscire dal conflitto in Ucraina | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Il cinese Xi chiede una “via razionale” per uscire dal conflitto in Ucraina |  Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Sulla strada per Mosca, il presidente cinese sta cercando di ritrarre Pechino come un pacificatore dopo più di un anno di guerra.

Il presidente cinese Xi Jinping, che lunedì è atteso a Mosca per i colloqui, ha chiesto una “via razionale” per uscire dalla crisi ucraina, ma ha ammesso che non sarebbe facile trovare una soluzione.

Xi ha scritto sul quotidiano del governo russo Rossiyskaya Gazeta che le discussioni potrebbero basarsi sulla proposta in 12 punti della Cina per una soluzione politica pubblicata il mese scorso.

“Il documento funge da fattore costruttivo per neutralizzare le conseguenze della crisi e promuovere una soluzione politica”, ha scritto Xi, secondo una traduzione Reuters dell’articolo. “I problemi complicati non hanno soluzioni semplici.”

Xi ha aggiunto che il documento riflette “il più possibile” le opinioni della comunità mondiale.

La visita di Xi a Mosca è la prima da quando Putin ha inviato truppe russe in Ucraina nel febbraio 2022, con Pechino che si è posizionata come una parte neutrale anche se ha riaffermato stretti legami con il suo vicino settentrionale. Il presidente cinese sarà il primo leader mondiale a incontrare Putin da quando la Corte penale internazionale ha emesso un mandato di cattura nei suoi confronti la scorsa settimana.

I presidenti cinese e russo si sono incontrati poco prima che Putin inviasse le sue truppe in Ucraina e si sono impegnati in una partnership “senza confini”. Non è chiaro se Xi fosse a conoscenza del piano russo di invadere l’Ucraina, stretto partner commerciale di Pechino.

Xi ha cercato di presentare la Cina come pacificatore globale, sostenendo che una via d’uscita dalla crisi può essere trovata “se tutti sono guidati dal concetto di sicurezza comune, globale, condivisa e sostenibile, e perseguono il dialogo e le consultazioni su un piano di parità , in modo prudente e pragmatico.”

READ  Zelenskyj ucraino destituisce il capo della Guardia di Stato per un complotto omicida Notizie sulla guerra russo-ucraina

Putin ha accolto con favore la volontà della Cina di svolgere un “ruolo costruttivo” nel porre fine al conflitto in Ucraina e nutriva “grandi aspettative” dai colloqui di lunedì con Xi.

“Non abbiamo dubbi che daranno un nuovo forte impulso a tutta la cooperazione bilaterale”, ha scritto Putin in un articolo scritto per un quotidiano cinese e pubblicato domenica dal Cremlino.

Ha detto che le relazioni sino-russe erano “al punto più alto”.

La Cina non ha condannato la guerra in Ucraina né l’ha descritta come un’invasione, sebbene abbia criticato le sanzioni internazionali imposte alla Russia e ad alcune delle sue figure politiche e militari più importanti.

Secondo quanto riferito, Xi potrebbe tenere colloqui telefonici con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dopo la sua visita a Mosca.

Zelensky ha fornito un sostegno qualificato al piano di pace quando è stato pubblicato a febbraio, citando la necessità di rispettare l’integrità territoriale dell’Ucraina.

La scorsa settimana il ministro degli Esteri Qin Gang ha avuto una rara conversazione telefonica con il suo omologo ucraino Dmytro Kuleba per sollecitare una soluzione politica, dicendo che la Cina era preoccupata che la guerra potesse andare fuori controllo. Chen ha esortato l’Ucraina a cercare una soluzione politica con Mosca.

Ha detto a Kuleba che la Cina ha “sempre sostenuto una posizione obiettiva ed equa sulla questione ucraina”.

A sua volta, Kuleba ha sottolineato l’importanza dell’integrità territoriale ei punti principali del piano di pace di Zelensky, che include il ripristino dei confini dell’Ucraina, il ritiro dell’esercito russo e la cessazione di tutte le battaglie.

Sulla Rossiyskaya Gazeta, Xi ha affermato che il suo viaggio in Russia mira a rafforzare l’amicizia tra i due Paesi, “una partnership globale e un’interazione strategica”, in un mondo minacciato da “atti di egemonia, tirannia e bullismo”.

READ  La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti il ​​6 gennaio manda in giudizio 10 ex aiutanti della Casa Bianca

“Non esiste un modello universale di governo e nessun sistema globale in cui la parola decisiva appartenga a un solo paese”, ha scritto Xi. “Solidarietà globale e pace senza divisioni e turbative negli interessi comuni di tutta l’umanità”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x