― Advertisement ―

spot_img
HomeentertainmentIl curatore della Biennale di Venezia, Africa, denuncia il rifiuto dell'Italia di...

Il curatore della Biennale di Venezia, Africa, denuncia il rifiuto dell’Italia di concedere visti a tre ghanesi

Pubblicato il 18 maggio 2023 alle 11:59 ET

Leslie Loco posa per i fotografi, a Venezia, Italia, mercoledì 17 maggio 2023. Il curatore della Biennale di Architettura di Venezia di quest’anno giovedì ha denunciato il rifiuto dell’Italia di concedere visti a tre uomini ghanesi che hanno lavorato con essa alla mostra principale per dare un voce agli africani e alla diaspora africana. Leslie Loko, scozzese-ghanese, prima africana a sponsorizzare la Biennale di Architettura, ha dichiarato in conferenza stampa che l’ambasciata italiana in Ghana ha espresso, senza spiegazioni, “ragionevoli dubbi” sulle intenzioni dei ricorrenti di lasciare l’Italia quando il loro visto scaduto. (Antonio Kalani/AP Photo)


Venezia, Italia — Giovedì il curatore della Biennale di architettura di Venezia di quest’anno ha denunciato il rifiuto dell’Italia di concedere visti a tre uomini ghanesi che hanno lavorato con essa alla mostra principale che ha dato voce agli africani e alla diaspora africana.

Leslie Loko, una scozzese-ghanese che è la prima africana a curare la Biennale di architettura, ha dichiarato in una conferenza stampa che l’ambasciata italiana in Ghana aveva espresso “ragionevoli dubbi” sulle intenzioni dei richiedenti di lasciare l’Italia alla scadenza del loro visto.

Ma ha detto che l’ambasciata non ha fornito alcuna spiegazione per la sua decisione.

“Quasi per la prima volta nella mia vita”, ha detto, “le parole mi mancano”.

La Biennale, che si apre sabato, presenta una presenza ampliata di partecipanti dall’Africa o dalla diaspora africana sotto il tema “Lab of the Future”, esplorando i temi della decolonizzazione e della decarbonizzazione.

Loko ha affermato che questa non è la prima volta che i paesi occidentali devono affrontare il rifiuto di ingresso.

READ  Picturestart nomina Sammy Kim Valvey presidente - The Hollywood Reporter

“È successo alla mia famiglia. È successo ai miei amici. È successo ai miei collaboratori. Penso che tutti nel Sud del mondo capiscano così bene questa storia”, ha detto.

Mentre il rifiuto ha fatto notizia, ha aggiunto: “Questa non è una nuova storia. È una vecchia storia familiare”.

Ho letto da un comunicato stampa dell’ambasciata in Ghana che sono stati “in prima linea nelle politiche volte a promuovere il patrimonio culturale africano, sia tangibile che intangibile”.

Lei ha risposto: “Questa non è la punta di diamante della politica. Questo è il suo brutto culo”.

READ  Slideshow Una grande fiera d'arte porterà 65 artisti indiani in Italia a novembre

“It has happened to my family. It has happened to my friends. It has happened to collaborators. I think everyone in the global south understands this story only too well,’’ she said.

While the refusal was grabbing headlines, she added, “This is not a new story. It’s an old and familiar tale."

She read from a press statement from the embassy in Ghana stating that it was “at the forefront of policies to promote African cultural heritage, both tangible and intangible.”

She responded: “This is not the forefront of policy. This is its ugly rear.”

-->