Il divieto di negazione dell’Olocausto in Canada

OTTAWA – In Canada va bandita la negazione dell’Olocausto, nell’ennesimo tentativo di arginare il nascente antisemitismo.

Il governo federale deve rendere un crimine fare una dichiarazione che nega l’Olocausto o condona o minimizza l’uccisione di ebrei da parte del regime nazista, tranne che in una conversazione privata.

I documenti di bilancio mostrano che i ministri intendono utilizzare un disegno di legge che emana il bilancio per modificare rapidamente il codice penale.

La mossa per vietare la negazione dell’Olocausto arriva quando parlamentari e gruppi anti-odio avvertono dell’ascesa della supremazia bianca e dell’antisemitismo in Canada.

“Gli ebrei canadesi costituiscono l’1% della popolazione canadese, ma sono l’obiettivo del 62% di tutti i crimini ispirati dall’odio a sfondo religioso”, ha affermato Richard Marceau, vicepresidente del Center for Israel and Jewish Affairs. “Viviamo in un’epoca di crescente antisemitismo”.

Il Canada si unirà a una serie di paesi europei, tra cui Germania, Grecia, Francia, Belgio e Repubblica Ceca, che hanno già messo fuori legge la negazione dell’Olocausto.

Sei milioni di ebrei furono sistematicamente assassinati nell’Europa occupata dai nazisti mentre Hitler era al potere, insieme ad altri gruppi, come gli zingari.

“La negazione e la diffamazione dell’Olocausto costituiscono un crudele attacco alla memoria, alla verità e alla giustizia – una calunnia antisemita per coprire il peggior crimine della storia – e quindi un crudele e cinico rimprovero dei sopravvissuti all’Olocausto e della loro eredità”, ha affermato Erwin Kotler, Inviato speciale del Primo Ministro per la memoria dell’Olocausto e la lotta all’antisemitismo.

Il budget ha stanziato 5,6 milioni di dollari in cinque anni per sostenere l’ufficio di Kotler.

“Non c’è posto per l’antisemitismo e la negazione dell’Olocausto in Canada”, ha detto il ministro della Pubblica Sicurezza Marco Mendicino.

READ  Trump chiede alla Corte Suprema di bloccare la pubblicazione dei suoi atti alla Casa Bianca prima del comitato del 6 gennaio

“Ecco perché ci siamo impegnati a vietare la promozione volontaria dell’antisemitismo condonando, negando o minimizzando l’Olocausto”, ha aggiunto Mendicino. “L’Olocausto è stato uno dei capitoli più oscuri della storia umana. Dobbiamo preservarne la memoria, combattere l’antisemitismo contemporaneo ed essere franchi quando diciamo: non accadrà mai più”.

La mossa del governo per cambiare la legge arriva sulla scia dell’introduzione del deputato conservatore di Saskatoon Kevin Wu di un disegno di legge di un membro privato che vieta la negazione dell’Olocausto all’inizio di quest’anno.

Wu ha detto che la proposta “parola per parola” del governo è la stessa del suo disegno di legge ed è stato sorpreso di vederla nel bilancio.

Ma il parlamentare conservatore ha affermato che la spinta del governo per la legge è stata “vincente per tutti”.

“Non c’è posto per il razzismo in questo paese”, ha detto.

Waugh ha detto che non ritirerà il suo disegno di legge, che avrà il suo secondo dibattito alla fine di aprile alla Camera dei Comuni, sebbene il divieto di negazione dell’Olocausto farà parte del disegno di legge sul bilancio.

Ha affermato di voler garantire che la modifica del codice penale fosse attuata il più rapidamente possibile.

Il bilancio non menziona la sanzione per una persona condannata per negazione dell’Olocausto. Il disegno di legge di Waugh prevede fino a due anni di carcere.

L’NDP ha detto che voterà sul bilancio, nei termini di un accordo di fiducia e di offerta con i liberali, il che significa che il disegno di legge passerà alla Camera dei Comuni.

Se la legge venisse modificata prima attraverso il disegno di legge sul bilancio, il disegno di legge Waugh volto a vietare la negazione dell’Olocausto nei dati diventerebbe ridondante.

READ  La manifestazione di Trump in Arizona e la manifestazione per i diritti di voto sottolineano la lotta per la democrazia

Il Dipartimento di Giustizia non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il budget ha stanziato oltre 70 milioni di dollari per iniziative a beneficio della comunità ebraica in Canada.

Ciò include $ 20 milioni per il trasferimento e l’espansione del Museo dell’Olocausto di Montreal e $ 2,5 milioni per sostenere il Sarah and Chaim Neuberger Holocaust Education Center a Toronto.

Questo rapporto è stato pubblicato per la prima volta da The Canadian Press l’8 aprile 2022.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x