― Advertisement ―

spot_img
HomeentertainmentIl dramma di Liam Neeson porta gli gnocchi e poca magia

Il dramma di Liam Neeson porta gli gnocchi e poca magia

Se Tom Hanks si è ufficialmente guadagnato il titolo di papà d'America, Liam Neeson è come lo zio irlandese che ti ha portato al tuo primo pub: duro, rumoroso e un po' imbroglione.


Avendo trovato la sua vocazione verso la fine della sua carriera come una sorta di squadra suicida individuale in thriller dai capelli argentati come preso, il passeggeroE Inseguimento freddola star 68enne di Schindler e Star Wars sembra avere una presenza troppo muscolosa per un dramma romantico così poco brillante. Fatto in Italia.


Ed è quasi criminalmente sottoutilizzato, anche se la delusione più grande, forse, è la mancanza di brividi di viaggio indiretti da parte del film durante il blocco: Questa è l'Italia? Datemi ville e colline! La luce del sole che cade sui cipressi! L'olio d'oliva scorre come un fiume di sogni!


Il regista e sceneggiatore James D'Arcy introduce il sole toscano, nominalmente, ma con un raggio debole. Michael Richardson (Volpe Lux) è Jack, un gallerista londinese poco più che ventenne, il cui lavoro sta per scomparire insieme alle sue carte per il divorzio; I genitori della sua futura ex fidanzata sono i proprietari del posto e ne sono stufi quanto sua figlia.


E così provoca il padre semi-estraneo, Robert (Neeson, anche il padre di Richardson nella vita reale), pittore defunto e lotario part-time, a tornare nella casa di vacanza di famiglia in Italia, un luogo in cui nessuno dei due è tornato. Da quando ha perso la madre di Jack circa 15 anni fa.

READ  Kaya Scodelario si unisce al cast della serie limitata Netflix "Senna"


Se Jack riuscisse a sistemare il problema rapidamente e a venderlo, potrebbe essere in grado di riacquistare la sua vita. In caso contrario, otterranno almeno alcuni montaggi buoni e divertenti – e forse anche romanticismo. (C'è un adorabile chef al ristorante locale pronto e in attesa di riempire l'anima di Jack con il risotto? Il freddo agente immobiliare locale potrebbe essere all'altezza degli imbrogli di Robert? Due ipotesi.)


Questo è il debutto alla regia di Darcy, un talentuoso attore britannico che ha avuto una lunga carriera in entrambi i film (Dunkerque, Nuvole atlantiche) e la televisione (Broadchurch, patria). Forse è per questo che qui la sua identità di regista sembra così vagamente indefinita.


Il concetto è abbastanza perverso, ma è così familiare che rasenta il déjà vu, e nasconde il tutto in una sorta di sensibilità televisiva via cavo che non serve né alle grandi location né alle banali macchinazioni della sceneggiatura. La colonna sonora fa molto affidamento sul rock e in genere su brani indie direttamente da alcune playlist di cucina italiana inventate su Spotify; La sceneggiatura racconta e si ferma dove deve essere spiritosa, divertente o toccante (anche se c'è una bellissima battuta su un roditore grande quanto un pane).


Sembra scortese criticare il film per la sua leggerezza, quando la luce è esattamente ciò che film come questo mirano a fornire: una fuga vaga e solare dalla monotonia grigia delle nostre vite. Tranne che spesso non riesce a emettere frizzantezza – o addirittura sembra che sia stato, in effetti, prodotto in Italia e non in un lontano palcoscenico pieno di linguine e gesso accuratamente decorato. produrre Ha il passaporto, non ti porterà lì. C+

READ  Il conduttore televisivo italiano si scusa per i gesti imitatori degli asiatici


Contenuto relativo: