Il Festival del cinema ebraico (virtuale) di Albuquerque presenta film da tutto il mondo »Albuquerque Magazine

John Henshaw, Harry Melling, David Cross e Marcus H. Rosenmüller in “The Keeper”. (Per gentile concessione di IMDB)

I festival cinematografici continuano a passare al virtuale, seguito dal (virtuale) Festival del cinema ebraico di Albuquerque.

Il festival locale offre un elenco di film contemporanei provenienti da Israele, Stati Uniti, Regno Unito, Norvegia, Italia, Argentina, Francia ed Egitto.

Secondo Phyllis Wolff, Direttore delle arti, della cultura e dell’istruzione presso il Greater Albuquerque Jewish Community Center, il festival è iniziato il 31 gennaio e continua fino al 28 febbraio. Sette film non sono ancora stati proiettati. I biglietti sono disponibili su abqjewishfilmfest.com.

“Ogni anno, il festival cerca di tessere un colorato arazzo delle storie ebraiche uniche che ci giungono attraverso i film di tutto il mondo”, dice. “Questa missione non è cambiata e questo gruppo è particolarmente degno di nota per la sua diversità di contenuti, temi e paesi di origine. L’unica cosa diversa è che invece di una riunione della comunità in spazi teatrali, guarderemo i film dei festival in modo sicuro e confortevole delle nostre case. Ci incontreremo per avere conversazioni di follow-up con i registi, “Quasi, usando la piattaforma Zoom. Dopo tutto, lo spettacolo dovrebbe continuare”.

Il film “Crossing” di Johan Hillland sarà proiettato nell’ambito del (virtuale) Festival del cinema ebraico di Albuquerque. (Per gentile concessione di IMDB)

I curatori cercano film proiettati ai festival cinematografici ebraici di tutto il mondo per selezionare una selezione rappresentativa dei migliori film per i fan di Albuquerque.

READ  Scopri il concetto di design per il nuovo MFI Learning Center

………………………………………….. …………..

Wolf ha detto che quest’anno è stato un compito arduo perché non solo l’elenco dei film ebraici si era evoluto in modo drammatico, ma la qualità dei film era cresciuta in egual misura.

“Sebbene il compito fosse arduo, è stato davvero un atto d’amore”, dice Wolf.

Ogni film ha una finestra di 72 ore, quindi puoi guardarlo comodamente dal tuo salotto. I biglietti includono colloqui con i registi su Zoom, subito dopo lo spettacolo.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x