La Germania accusa il segretario del campo nazista di complicità nell’uccidere 10.000 persone

I pubblici ministeri tedeschi hanno detto venerdì di aver accusato un ex segretario di un campo di concentramento nazista di complicità nella morte di 10.000 persone, nel primo caso del genere negli ultimi anni contro una donna.

L’accusato di 95 anni lavorava a Stutthof vicino a quella che era conosciuta come Danzig, ora Danzica, nella Polonia occupata dai nazisti all’epoca.

I pubblici ministeri non hanno nominato la donna, ma l’emittente regionale NDR l’ha identificata come Irmgard F., che ora vive in una casa di cura nel nord di Amburgo.

La sospettata “è accusata di aver aiutato i funzionari del campo nell’uccisione sistematica di prigionieri ebrei, sostenitori polacchi e prigionieri di guerra sovietici russi nel suo lavoro di stenografa e segretaria del comandante del campo” tra il giugno 1943 e l’aprile 1945, hanno detto i pubblici ministeri in un dichiarazione.

Il pubblico ministero della città settentrionale di Itzehui ha aggiunto che la donna, che era minorenne all’epoca dei presunti crimini, è stata accusata di “favoreggiamento e favoreggiamento dell’omicidio in più di 10.000 casi”, nonché di complicità nel tentato omicidio.

“Dato che alcuni dei detenuti sono sopravvissuti alla loro permanenza nel campo nonostante le condizioni ostili, alcune azioni devono essere giudicate giudizialmente come tentato omicidio”, hanno aggiunto.

Un portavoce del procuratore generale, Peter Mueller-Raku, ha detto all’AFP che gli investigatori avevano condotto un’indagine “molto dettagliata” che includeva interviste a testimoni che ora vivono negli Stati Uniti e in Israele.

Il portavoce ha detto che gli storici sono stati anche incaricati di valutare la portata del lavoro degli imputati nel campo, poiché la questione principale nel caso è la “responsabilità concreta” che si è assunto per le uccisioni.

READ  Il Covid di Papa Francesco: un vaccino è una luce di speranza se è a disposizione di tutti

Mueller-Raku ha detto che ora spetta al tribunale decidere se aprire un caso, aggiungendo che dal punto di vista dei querelanti, l’imputato può comparire in tribunale.

Data la sua età al momento in cui ha commesso atrocità, dovrà affrontare un tribunale per i minorenni.

La Germania sta correndo per consegnare alla giustizia i dipendenti nazisti sopravvissuti dopo che l’ex portiere John Demjanjuk è stato dichiarato colpevole nel 2011 con la motivazione che ha agito come parte della macchina assassina nazista, un precedente legale.

Da allora, i tribunali hanno emesso numerose condanne per questi motivi e non per gli omicidi o le atrocità direttamente collegate agli imputati.

Tra quelli assicurati in ritardo alla giustizia c’erano Oscar Groening, contabile ad Auschwitz, e Reinhold Hanning, ex guardia delle SS nello stesso campo.

Entrambi sono stati condannati per complicità in omicidio di massa all’età di 94 anni, ma sono deceduti prima di essere imprigionati.

Nella sentenza più recente, Bruno Day, ex guardia delle SS, è stato condannato all’età di 93 anni e condannato a due anni di reclusione con sospensione della pena.

Quando la corte ha emesso il verdetto lo scorso luglio, si è scusato con le vittime dell’Olocausto, dicendo che “una cosa del genere non dovrebbe mai più accadere”.

Day lavorava nello stesso campo di Stutthof, che i nazisti avevano istituito nel 1939. Inizialmente lo usarono per tenere prigionieri politici polacchi.

Ma ha finito per trattenere 110.000 detenuti, molti dei quali ebrei. Circa 65.000 persone sono morte nel campo.

I pubblici ministeri stanno ancora ascoltando dozzine di altri casi contro ex nazisti o personale delle SS che hanno lavorato nei campi di Buchenwald, Sachsenhausen, Neuengamme o Mauthausen, secondo la radio nazionale ARD.

READ  Le accuse sono cadute contro Buffalo, New York, mentre gli agenti sono visti in una videocassetta che spingeva a terra un anziano attivista

A luglio è stata intentata una causa contro un’altra ex guardia a Stutthof per complicità nell’uccisione di diverse centinaia di persone.

In tutto, il regime nazista ha spazzato via sei milioni di ebrei e centinaia di migliaia di altri durante l’Olocausto.

© Agence France-Presse

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x