Il film italiano di 500 anni ‘Vista’ per celebrare la Vergine Maria proiettato all’Hamilton Film Festival

Sono passati più di 500 anni da quando Racalmuto ha acquisito la statua della Vergine Maria, dice la leggenda, e da allora la città di Sicilia non ha mai smesso di festeggiare.

L’annuale Festival di Racalmuto in onore della statua e della storia dietro di essa, che include un conteggio, una grotta e la scoperta di resti nascosti, è continuato fino ad oggi e si riflette in un evento ad Hamilton mostrato questa settimana alla Galleria d’arte di l’Hamilton Film Festival.

La Festa del regista locale Terrance Odette sarà proiettata al The Playhouse Theatre davanti a un pubblico completamente esaurito venerdì alle 18:30 e verrà mostrato anche sabato alle 11:30, e fa parte di una lista diversificata di canadesi e internazionali film in mostra. Dal vivo e online nell’ambito del Festival del cinema dal 15 al 24 ottobre.

Odette dice che la Festa, il documentario, parla della dedizione e delle lunghezze dei discendenti locali di Racalmuto per continuare la tradizione del festival dalla loro terra natale che include la sfilata di una statua della Vergine Maria per le strade, oltre a molta musica, cibo e ballare.

“Tutte le donne e gli uomini e tutti stanno prendendo il loro posto”, ha detto Odette martedì. “I bambini sono vestiti con gli abiti tradizionali di Racalmuto e alcuni sono adolescenti. Per la processione, la prendono molto sul serio. C’è un certo grado di kitsch, ma anche una riverenza per la loro dedizione alla loro comunità”.

La festa risale al 1503 ed è la storia di un conte italiano che stava cacciando in Nord Africa e si riparava da una tempesta in una grotta. Il suo equipaggio vi trovò una statua della Vergine Maria e la riportò in Italia. Al passaggio di Racalmuto, o la sua carrozza si è rotta o i suoi tori si sono rifiutati di proseguire – a seconda del romanzo – e la statua è rimasta lì, dove da allora viene celebrata ogni anno.

READ  Il centro di intrattenimento al coperto Fun Planet riapre a Shepparton
Le persone si riuniscono intorno a una statua di Maria al centro della Vista Maria SS del Monte a Hamilton in una scena di “Vista” di Terrence Odette. (Terranza Odette/Vista)

Joe Corto, Responsabile della Festa Maria SS di Hamilton. Del Monte o S. Mary of the Mountain Festival In inglese, molti dei Racalmutes locali sono presenti venerdì per uno spettacolo che è completamente esaurito. Dice che gran parte di ciò che accade al festival potrebbe confondere un estraneo, poiché imita in gran parte la realtà dell’evento a Racalmuto, ma la comunità è desiderosa di condividere la sua cultura con chiunque voglia saperne di più.

Aggiunge che spera che il film possa aiutare a spiegare agli hamiltoniani perché l’area intorno a Murray Street e James Street North Corso si chiama Raccalmotto – un tempo ospitava più discendenti della città siciliana di Racalmoto stessa.

“La gente vedrà il significato storico del[Club Fratellanza Racalmotese d’Italia]e la ragione della sua esistenza”, ha detto, osservando che la gente della città ha iniziato a venire ad Hamilton per trovare lavoro dopo la prima guerra mondiale.

Oltre a Festa, il festival del cinema presenta anche molte delle opere locali della serie di cortometraggi proiettati giovedì alle 18:30 al Westdale Theatre e online per tutta la settimana, afferma il curatore Ryan Ferguson.

Ferguson afferma che altre esibizioni degne di nota al festival includono:

  • “fare foto,“Documentario sull’arte occulta. Ad accompagnare la proiezione c’è un discorso di Toby Bruce, Direttore di AGH, Mostre e Collezioni e Curatore Senior, che esplora la relazione tematica del film con la Galleria AGH” Tom Thompson? arte dell’autenticazione
  • Proiezione del centenario del film del 1921Passeggino fantasmaCon una registrazione dal vivo eseguita da VOC Silent Film Harmonic
  • festa fino a, un documentario sul lavoro precario, seguito da una conversazione dal vivo con Armine Yalnizyan, membro della Fondazione Atkinson, sul futuro dei lavoratori.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x