Il film sull’antica comunità albanese in Italia arriva su Netflix

Il film del 2019 dedicato alla comunità arbëresh di etnia albanese nel sud Italia sarà presentato in anteprima su Netflix a partire dal 23 dicembre.

Il primo film a tema albanese mai mostrato su Netflix dal 23 dicembre di quest’anno, Arber Si concentra sulle tradizioni e la cultura degli Arbëresh, una comunità di etnia albanese che vive da secoli in alcuni paesi della Calabria e della Basilicata.

Francesca Oliveri, lei stessa di origini calabresi, è la regista e sceneggiatrice del film, realizzato nel 2019, ma ora in onda sulla piattaforma cinematografica americana.

Oliveri Pristina ha detto a Insight che la storia della protagonista è stata ispirata dalla sua famiglia. “La storia di Aida è in parte ispirata dalle esperienze personali di mia zia e mia nonna, nate a Santa Caterina Albanese, in Calabria, nel sud Italia”, ha detto.

“Volevo immergermi in questi elementi autobiografici e orientarmi… L’argomento è ovviamente personale, io stessa sono una giovane donna immigrata, quindi spero che questa storia di generosità umana possa interessare un pubblico culturalmente pervasivo”, ha aggiunto.

Olivieri afferma inoltre di essere rimasta profondamente commossa quando ha assistito allo spettacolo di “Valga”, la danza tradizionale albanese, in Italia.

“Ricordo la prima volta che ho visto Vallja, la danza tradizionale del popolo Arberesh. Sono rimasto scioccato perché ho sentito che questo momento era magico e aveva un potenziale cinematografico in sé”.

Poi il fatto che ne ho sentito parlare mia nonna [Albanian] La lingua è stata spesso la mia principale ispirazione. È stata la mia ispirazione per tutto il film e mi ha insegnato le tradizioni più preziose della cultura di Arborish”.

Il regista è lieto che il film sia ora diffuso in tutto il mondo guardando i film di Netflix.

“Netflix è una piattaforma… importante. Il fatto che si sforzeranno di mostrare la storia di una minoranza linguistica in Italia è un fatto rilevante”, ha affermato.

“Netflix ha un forte punto editoriale… in termini di temi giovanili, così come in relazione alle radici dei conflitti e alla vergogna di essere un tradizionalista”, ha detto Oliveri.

Il film racconta la storia di Aida Jericho, una ragazza di Arberish alle prese con la sua identità sociale e culturale. Ha lasciato le sue radici in Calabria molto tempo fa per diventare una stilista di moda in una grande città, ma è tornata a casa dopo la sua morte.

READ  LeVar Burton come "Jeopardy!" Petizione approvata dall'ospite

In famiglia viene accolta con un misto di affetto e diffidenza. Più vicina a lei c’è una giovane nipote fidanzata ma dotata anche di uno spirito indipendente che la spinge a non soccombere alle supposizioni, da qualunque parte provengano. Aida si vede in lei.

Katerina Misasi, attrice rumena di origini calabresi nota per le sue apparizioni televisive in Dottore di famiglia, Centoftrine, e vivere, per interpretare il ruolo di Aida.

Il film è interpretato da Prichilda Schalci, un’attrice albanese, Carmelo Giordano, Anna Stratego, Mario Serbo, Alessandro Castriota Skanderbeg, Fabio Papacina e Antonio Andrisani.

Nel 2019, il film è stato proiettato a Cosenza, in Italia, ed è stato proiettato nei cinema di tutta la Calabria, dove è stato ben accolto dal pubblico.

Oliveri Pristina ha detto a Insight che da allora il film è stato proiettato in diversi festival in Europa.

È stata la sua prima volta a Tirana al Dea Festival, dove ha vinto il Premio Generale della Giuria. Poi abbiamo mostrato il film in Francia, Galles, Norvegia, Germania e in vari festival cinematografici italiani.

Ha aggiunto che il pubblico era interessato a questa storia perché poche persone sanno qualcosa della storia degli albanesi e dei loro antenati.

“In Italia c’è stata una piacevole sorpresa, perché sebbene gli italiani conoscessero il popolo albanese e l’ultima storia del Paese, non sapevano che i loro antenati arrivarono in Italia nel XV secolo”, ha detto Oliveri.

Arbëria è il nome di un gruppo di regioni geografiche dell’Italia meridionale dove le popolazioni fuggirono dall’Albania e dalla Grecia tra il XV e il XVIII secolo, per sfuggire alla conquista ottomana delle proprie terre.

Arber Prodotto da Open Fields, in collaborazione con Lucana Film Commission e Calabria Film Commission, con il supporto di Mibac e Siae nell’ambito dell’Iniziativa Sillumina e Bcc Mediocrate ed Echoes.

READ  La società francese Asacha Media Group acquisisce il produttore britannico WAG Entertainment - scadenza

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x