Il Galles batte l'Italia nella finale delle Sei Nazioni dopo una meta del Tuepolo

Il Galles batte l'Italia nella finale delle Sei Nazioni dopo una meta del Tuepolo

Il Galles aveva perso le ultime quattro partite nella competizione e aspettava un'altra sconfitta prima che un gol di Cecilia Tuipolo a due minuti dalla fine, trasformato da Lyoko George, regalasse ai padroni di casa la vittoria per 22-20.

Il Galles passa in vantaggio al 16' con una meta del tallonatore Caris Phillips, ma un minuto dopo i padroni di casa perdono il possesso palla e Vittoria Ostoni Minozzi va in porta, con una trasformazione di Beatrice Rigoni che porta l'Italia in vantaggio.

Un rigore di Rigoni ha portato il risultato sul 10-5 all'intervallo, ma il Galles è tornato in vantaggio al 4' del secondo tempo, dopo che Gwenllian Pearce ha sparato sopra la traversa e Keira Bevan ha segnato.

Il rigore di Bevan porta il divario a cinque punti, ma l'Italia risponde con due tentativi di Francesca Granzotto ed Emma Stefanin prima dell'intervento finale di Tuipoloto.

Il risultato non è bastato al Galles per evitare il cucchiaio di legno, ma il pubblico di 10.592 tifosi è tornato a casa felice dopo la vittoria per concludere la campagna di test.

L'allenatore Ewan Cunningham ha dichiarato: “Siamo fortunati a fare quello che facciamo a volte, ma momenti come questo sono molto felici per i giocatori perché hanno dato molto lavoro duro.

“Abbiamo dedicato molti sforzi e molte delusioni a questo gruppo nelle ultime sei o sette settimane. Una cosa è che siamo stati coerenti come gruppo e alla fine tutto è venuto fuori.

“Questa squadra gallese non si arrenderà, ce l'ho fatta e dovremmo festeggiare una vittoria che non ottenevamo da molto tempo.

READ  Veronica Rajic stuzzica i fan con un sexy selfie alto 6 piedi mentre il fan di Tom Brady rivela i segreti delle "energiche vacanze italiane"

“È una cosa enorme e significa molto per tutti noi. Sono stati investiti molto lavoro, energia e impegno in questa campagna e le cose non sono andate per il verso giusto.

“Sono molto orgoglioso dello sforzo. È stata una stagione dura. Non è dove vogliamo essere, ma ottenere la vittoria è stato enorme per darci un trampolino di lancio per tornare dove vogliamo essere.”

Il Galles si è classificato terzo lo scorso anno, ma questa volta ha mantenuto la sua classifica.

“Non siamo una brutta squadra, ma le cose semplicemente non sono successe. Stiamo cercando di cambiare il modo in cui giochiamo. Ci arriveremo”, ha detto Cunningham.

“Possiamo costruire su questo, qualunque cosa accada dopo ci concentreremo su di essa, cercheremo di ottenere più vittorie e continueremo a costruire sulla scoperta di più talenti e sull’esperienza che abbiamo.

“Lo vedremo in modo critico, guarderemo a noi stessi e a dove possiamo migliorare, ma penso che ciò che è importante in questo momento sia godercelo perché abbiamo attraversato un periodo difficile. Questo è il punto di partenza su cui dobbiamo muoverci nella direzione giusta direzione.”

– L'Inghilterra ha conquistato il sesto titolo consecutivo nel Guinness Sei Nazioni femminile e ha completato una tripletta del Grande Slam dopo aver battuto la Francia 42-21 a Bordeaux.

I Red Roses hanno preso il comando dal momento in cui Maud Muir ha tirato al volo al quarto minuto e hanno segnato sei mete, con Alex Matthews che ha attraversato il numero otto due volte davanti a ben 28.000 case.

La Francia è retrocessa tre volte, ma ha subito una battuta d'arresto perdendo Assia Khelfaoui per un cartellino giallo per un passaggio pericoloso di Morwenna Taling, con l'attacco passato al rosso dopo la revisione.

READ  Nations League: Inghilterra e Galles ottengono un sorteggio difficile nella fase a gironi

L’Inghilterra ha vinto tutti e quattro gli Slam negli ultimi tre anni e ha ottenuto 29 vittorie nel torneo, con l’ultima sconfitta arrivata contro la Francia nel 2018.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x