Il ghiaccio antartico mostra tracce del minerale marziano

Il metallo giallo-marrone è stato rilevato mediante test di assorbimento a raggi X e microscopia elettronica in campioni trovati a profondità di 1000 metri

In dettaglio, i ricercatori ritengono che la loro scoperta supporti una teoria che lo suggerisce Marte Potrebbe essere stato ricoperto da una coltre di ghiaccio miliardi di anni fa, e che questo pacciame conteneva polvere che vi era stata soffiata, il che ha portato alla formazione di jarsite nelle sacche di ghiaccio.

In Antartide, il team guidato da Giovanni Bacolo dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca ha scoperto il metallo giallo-marrone con un test di assorbimento dei raggi X e microscopia elettronica in campioni trovati al di sotto dei 1.000 metri.

Jaroset era aderente alle particelle residue ricche di silice, che sono state identificate nel nucleo di ghiaccio Talus Dome e sono state interpretate come prodotti di agenti atmosferici che coinvolgono polvere eolica e aerosol acidi.

“Il graduale aumento dello spostamento del ghiaccio e della ricristallizzazione con la profondità favorisce il trasporto della polvere, la sua concentrazione e la formazione di salamoie acide in ambienti isolati, consentendo reazioni chimiche e formazione di nuovi minerali”, come affermato nel loro articolo. “Questo è il primo meccanismo descritto dell’evoluzione inglese che si verifica nel profondo ghiaccio antartico e supporta un modello di alterazione glaciale della formazione di jarrosite su Marte”.

Sebbene le loro scoperte supportino il modello, devono ancora trovare una solida spiegazione del motivo per cui l’Antartide contiene piccole quantità di jarrosite mentre il minerale sul Pianeta Rosso si trova in grandi lastre.

READ  Firefly lancia il suo primo razzo, ma perde il veicolo di lancio in un'esplosione durante il volo

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x