Nelle vicinanze

Gli astronauti della capsula SpaceX Crew Dragon tornano sani e salvi sulla Terra, concludendo la loro missione di sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale.

USA Today

Nel romanzo di Andy Weir, lo spazio è il paesaggio più meraviglioso e spaventoso di sempre, e con “Project Ave Maria”, il moderno maestro di fantascienza invia un astronauta solitario in una missione intergalattica con interessi esistenziali e umorismo.

Un crossover cosmico tra “Memento”, “Arrival” e “The Right Stuff”, l’ultimo libro (Ballantine, 482 pagine, 1/2 di quattro) dell’autore di “Mars” si concentra sull’unico sopravvissuto di un veicolo spaziale inviato a salva l’umanità E lo mette sulle sue orme in una storia complessa e ricca di scienza che ruota anche intorno alla simpatia e all’amicizia che si trovano nei luoghi più probabili.

Ryland Grace si sveglia con un brutto giro di amnesia dopo essere uscito da un coma indotto, non sapendo dove si trova e chiedendosi perché ha nutrito e curato un braccio robotico. Comincia a riprendere la mobilità, acquisisce intelligenza e nota che ci sono due corpi nelle vicinanze. Ryland inizia a ricordare la sua posizione, che si sta lentamente svolgendo in flashback punteggiati da “La pace sia con te, Mary”.

La pace sia su di te progetto, Maria:Dai un’occhiata agli estratti esclusivi dell’ultimo romanzo di fantascienza di Andy Weir

Ex biologo molecolare e accademico vergognoso che ora è un famoso insegnante di scienze della scuola media, Ryland è stato inviato nel sistema solare di Tau Ceti per scoprire un modo per salvare la Terra. È stata rilevata una strana luce tra il nostro sole e Venere, il sole si oscura a causa della bassa temperatura ei colpevoli sono microrganismi che minacciano di inviare alla Terra un’era glaciale mortale. (Per fortuna, queste stesse alghe sono state imbrigliate come carburante per il viaggio di salvataggio del mondo di Rayland.)

READ  Sams Technology, startup IIT che combatte la contraffazione di prodotti farmaceutici e alimentari

Ryland ha molti momenti stressanti, manovre di prova articolate, esperienze che sono andate storte e colpi di scena che rendono le cose divertenti per lui (e i suoi lettori). Fortunatamente, non è solo nell’universo: Ryland incontra un compagno di viaggio, un alieno soprannominato Rocky (a causa del suo involucro protettivo e dell’anatomia metallica), assegnato a una missione simile e ticchettando il tempo per il suo tipo. I due imparano a comunicare e ad aiutarsi a vicenda, e il legame che formano è il momento clou di “Ave Maria”, un fumetto inaspettato sulla scienza dura che prende il via nel bel mezzo di uno scenario cinematografico disastroso.

avvio automatico

Mostra miniature

Mostra spiegazioni

La struttura parallela della trama di Weir funziona principalmente: il lavoro di Ryland per scoprire il modo migliore per neutralizzare gli effetti distruttivi di “Astrophage” che corre su un percorso mentre l’altro spiega come è finito lì in primo luogo, reclutato da una donna senza senso che porta insieme tutti i governi e i programmi spaziali In un colpo è piuttosto improbabile che salvi l’umanità. L’inizio del retroscena e delle rivelazioni nei giorni precedenti l’uscita è una parte essenziale e intelligente dello sviluppo del personaggio, anche se a metà del libro, il passato a volte interrompe lo slancio degli esercizi di team building in Ryland e Rocky e il legame come Fratelli della scienza Ride-or-Dee.

“Ave Maria” ha la stessa potente narrazione di “Il marziano” e se ti piacciono le canzoni originali autopubblicate da Weir o Matt Damon nominato all’Oscar, preparati a divertirti anche con questo. Il libro ben progettato di Weir è un racconto epico di redenzione, scoperta e fantascienza meravigliosamente contemplativa che è appena migliorato con due perfetti sconosciuti trasformati in migliori amiche.

Leggi o condividi questa storia: https://www.usatoday.com/story/entertainment/books/2021/05/04/project-hail-mary-review-andy-weir-book-intergalactic-excellence/4915934001/