Il mio ultimo concerto: percussionista, band leader e mentore Monette Marino: “ Mi manca con tutto il cuore ”

La percussionista, band leader e mentore Monette Marino, 52 anni, è la fondatrice di Mo’Rhythm di sette anni a San Diego. Scuola di Ding. La sua registrazione più recente è la canzone del 2020 “Sera”. monettemarino.com

Il mio ultimo concerto prima della chiusura è stato, stranamente, venerdì 13 marzo 2020. Suonavo con il chitarrista Bruno Serrano e mia figlia di 13 anni Nasira Keita – che è una percussionista in erba – all’Hacienda de Vega, un ristorante messicano a Encinitas . Questa era la terza volta che suonavamo lì ed era notevolmente meno pieno del solito.

Le persone che sono venute quella notte non erano preoccupate per la diffusione di germi. Hanno ballato, riso, cantato e abbracciato e non sembravano preoccupati per la loro salute o sicurezza. L’obiettivo del gruppo era creare un’atmosfera di festa per la folla. Alla fine della festa, abbiamo avuto quasi tutti nel ristorante a ballare, cantare e battere le mani sulla canzone “Bamboleo” di Gipsy Kings.

La parte migliore della festa è stata che ho suonato con mia figlia e l’ho vista immergersi nella musica, mentre suonava kungas, cajun e bongo. Ha sperimentato come la musica porti gioia nel mondo e riunisca le persone. Questo era solo l’inizio delle nostre avventure musicali di famiglia e non vedevamo l’ora di suonare insieme spesso.

Ma non c’era nel 2020. Sapevamo tutti che il Coronavirus era presente negli Stati Uniti, ma era ancora abbastanza lontano dalle nostre esperienze personali, quindi era una preoccupazione lontana. Ricordo di aver fatto un bicchierino di tequila alla fine di una festa con un chitarrista, e abbiamo scherzato sul fatto che almeno la bevanda avrebbe ucciso tutti i germi nel nostro sistema.

READ  Restrizioni revocate: che giorno suonava a Saskatoon senza ordini di salute pubblica?

In media, di solito giocavo dai 12 ai 16 veicoli al mese, prima dell’epidemia. Tutti questi sono persi a causa dell’epidemia. La chiusura non solo ha fermato il nostro slancio musicale, ha soffocato i nostri impulsi e ha sollevato dubbi sul fatto che la musica fosse o meno una scelta di carriera praticabile e soprattutto ha causato la perdita di gran parte dei miei guadagni. Ho dovuto trovare rapidamente un sostituto.

Sono solo un percussionista, il che non favorisce gli assoli dal vivo su Internet. Ho deciso di concentrarmi sull’insegnamento piuttosto che sull’esibizione. Mia figlia ed io abbiamo realizzato una serie di video su YouTube che abbiamo chiamato “Djembe & Dunun Challenges” e abbiamo chiesto donazioni, ma non hanno generato molte entrate. Quindi, sono saltato sulla piattaforma Zoom e ho aggiornato le mie classi in modo che funzionassero per impostazione predefinita.

Di conseguenza, ho ampliato la mia base studentesca al di fuori di San Diego e ho acquisito studenti da tutti gli Stati Uniti ea livello internazionale. Nel periodo pre-pandemico, insegnavo una lezione di persona a settimana presso Encinitas che aveva una media di otto a 10 studenti. In linea, ora insegno due classi a settimana con una media di 12-16 studenti, nonché da sei a 10 lezioni private con studenti di tutto il mondo.

Inoltre, il blocco mi ha aiutato a riequilibrare e dare priorità alla mia vita. Era davvero chiaro quanto stavo correndo per la città e riempiendo ogni secondo della mia giornata lavorando da e verso i concerti, insegnando, esercitando, ecc. Non doverlo fare mi ha permesso di concentrarmi sulla mia salute personale, felicità e tempo in famiglia con mia figlia. Quindi sono grato.

READ  Il Centro Culturale dell'Ambasciata d'Italia ospita la cerimonia lirica nel cinquantesimo anniversario in collaborazione con la Fondazione Neemrana

Non c’è sostituto per le esibizioni dal vivo e mi mancano con tutto il cuore. Spesso mi mancano le connessioni e lo scambio di energia che avviene tra musicisti, tra musicisti e pubblico. Mi manca far sorridere le persone e sentire il calore di condividere la mia gioia quando suono.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

| La Tribuna | 2021 Tutti i diritti riservati

Read also x