Il mio viaggio nel “Vicolo della Morte” italiano è a due passi dalle località di mare

Il mio viaggio nel “Vicolo della Morte” italiano è a due passi dalle località di mare

Ventimiglia – Mostafa, un migrante economico egiziano, è arrivato nella città italiana di Ventimiglia quattro giorni fa, ma non intende restare a lungo. La prossima destinazione del suo lungo viaggio verso una nuova vita si trova a meno di 10 chilometri oltre confine: la Francia.

Mostafa, che lavora come falegname, è arrivato in Italia in barca nel 2019 e si è stabilito a Milano, ma non è riuscito a trovare abbastanza lavoro per mantenere i suoi tre figli – di 7, 10 e 15 anni – che sono tornati in Egitto. “Voglio riprovarci in Francia”, dice Mustafa, 34 anni, in inglese e italiano stentati alla Caritas Intimiglia, un centro di accoglienza per migranti a Ventimiglia. “O forse l’Olanda.”

Uomini in attesa al confine tra Italia e Francia (Foto: Ibrahim Ezzat/Anadolu Agency via Getty Images)

Ma i viaggi dei migranti attraverso il confine francese, pattugliati da droni e pattuglie dell’esercito, sono pieni di pericoli. Alcuni dei più coraggiosi sono il “Passo della Morte”, un percorso insidioso utilizzato dai contrabbandieri e dai rifugiati politici durante la Seconda Guerra Mondiale, che si aggrappa alle pareti delle montagne, passa sopra valli e costeggia i bordi delle scogliere. Altri si nascondono nei camion o camminano lungo i binari del treno.

Dal 2015, almeno 40 migranti sono morti nel tentativo di raggiungere la Francia via Ventimiglia, sulla costa ligure, nel nord Italia. “Alcuni di loro annegano in mare o nei fiumi”, ha detto Serena Regazzoni, responsabile della migrazione. presso il centro Caritas di Ventimiglia. IO.

Coloro che raggiungono la Francia vengono spesso arrestati poco dopo il loro arrivo e rimandati in Italia. Ciò raramente li dissuade dal tentare di attraversare ulteriori confini. “A volte le persone vengono rimandate indietro cinque volte”, aggiunge Maria Ouatta, marocchina, che lavora nel programma di salvataggio dei bambini della Caritas.

Ci sono anche storie di successo. “Sono arrivato a Ventimiglia a giugno e ho attraversato il confine con la Francia in macchina con un amico di nome Brandon”, dice Jordan, un camerunese di 17 anni che ha pagato 150 euro (129 sterline) per arrivare a Nizza e ora lavora come addetto alle pulizie. a Nizza. Tolosa. “Abbiamo viaggiato su una strada aperta e c’era un posto di blocco, quindi la grazia di Dio è intervenuta perché non ci controllassero”.

La maggior parte dei tunisini, dei marocchini e degli africani subsahariani francofoni che passano da Ventimiglia vogliono raggiungere la Francia, dice Regazzoni. Ha aggiunto che eritrei, etiopi e somali di solito mirano a stabilirsi in altri paesi dell’UE, come Germania e Paesi Bassi, mentre le loro controparti sudanesi vogliono raggiungere il Regno Unito.

Quando hanno raggiunto l’Italia, molti di loro avevano già attraversato il Sahara, erano stati detenuti nelle carceri tunisine e libiche e avevano raggiunto Lampedusa su barche traballanti, dopo essere sopravvissuti allo sfinimento, alle torture e al mare in tempesta.

Alcuni, come Mustafa, si fermano a riposare a Ventimiglia, prima di partire per la Francia, per poi sbarcare alla Caritas, dove ricevono un pasto caldo al giorno, un cambio di vestiti e un accesso limitato a consulenza legale e assistenza medica. Casi, qualche notte in dormitorio.

Molti di loro non sono in condizioni di proseguire il viaggio. “Ho avuto giovani qui nei primi giorni che non riuscivano a mangiare, a tenere in mano la forchetta”, racconta Alessandro Foretti, 81 anni, cuoco volontario del centro. “È lo shock di attraversare il mare, camminando per mesi… Alcuni arrivano qui senza scarpe… hanno i piedi distrutti”.

READ  Tanta simpatia da Cattolica per i golfisti sammarinesi

La Caritas, che lo scorso anno ha fornito 36.000 pasti caldi, è gestita da circa 30 dipendenti e 70 volontari. Gabriella Jarratt, volontaria britannica con sede a Cagnos-sur-Mer, vicino a Nizza, raccoglie vestiti e li porta alla Caritas. “Lo facciamo con passione, compassione, empatia e buon cuore”, afferma Jarratt, 58 anni, di Nottingham. IO.

A febbraio, la Francia ha accettato la sentenza della Corte di giustizia europea secondo cui devono essere effettuati controlli più approfonditi prima che i migranti vengano rimpatriati in Italia. Di conseguenza, molti attraversano il confine più facilmente, il che ha portato ad un aumento del numero di trafficanti di esseri umani che operano nella regione, afferma la Regazzoni.

Ma continuano i rimpatri forzati, il che è inutile e porta solo alla morte, dice la Regazzoni. “Se gli esseri umani vogliono migrare, migreranno. Non c’è nulla in questo mondo che possa fermarli”.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x