Il papa chiede allo Sri Lanka di rivelare l’identità degli aggressori della domenica di Pasqua | Notizie sui bombardamenti in Sri Lanka

Papa Francesco esorta la nazione insulare a nominare gli autori degli attentati che nel 2019 hanno portato a termine una serie di attentati che la Chiesa cattolica sospetta essere un complotto.

Papa Francesco ha esortato le autorità dello Sri Lanka a rivelare chi è stato il responsabile degli attentati di Pasqua del 2019 nel Paese in un attacco che i cattolici dell’isola sospettano fosse un complotto per spingere al potere il presidente Gotabaya Rajapaksa.

Durante l’incontro con una delegazione di oltre 60 vittime degli attacchi a tre chiese e tre hotel che hanno ucciso più di 270 persone, lunedì Francesco ha chiesto all’amministrazione di Rajapaksa di rivelare la verità.

“Per favore, per amore della giustizia e per amore del vostro popolo, sia chiaro una volta per tutte chi è stato responsabile di questi eventi”, ha detto il Papa in un appello a Colombo.

“Questo porterà pace alla tua coscienza e al tuo paese”.

Rivolgendosi a circa 3.500 srilankesi in Italia, comprese alcune delle vittime, il Papa ha anche detto di aver pregato affinché anche lo Sri Lanka possa superare la peggiore crisi economica della sua storia.

Papa Francesco incontra i membri della comunità dello Sri Lanka che vivono in Italia [Remo Casilli/Reuters]

L’isola soffre di una grave carenza di cibo, carburante e medicine poiché la sua popolazione di 22 milioni di abitanti soffre di interruzioni di corrente quotidiane e rapida inflazione.

Il capo della Chiesa cattolica dello Sri Lanka, Malcolm Ranjith, che lunedì ha tenuto una messa nella Basilica di San Pietro prima del suo incontro con il Papa, ha chiesto “giustizia e cambiamento” nel suo Paese.

“Vogliamo che la comunità internazionale insista sul fatto che prima di fornire assistenza allo Sri Lanka, il governo si renda conto che deve cambiare il modo in cui vengono fatte le cose”, ha detto alla Radio Vaticana.

READ  Mourinho afferma che il ritorno di Ronaldo al Manchester United è un "lavoro perfetto"

Il cardinale Ranjith il mese scorso ha esortato il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a istituire un meccanismo per indagare sugli attentati suicidi del 2019 che Colombo ha attribuito ai gruppi islamisti locali.

“La prima impressione di questo massacro è stata che fosse opera di pochi estremisti islamici”, ha detto Ranjith.

“Tuttavia, le indagini successive indicano che questo massacro faceva parte di una grande cospirazione politica”.

Il cardinale ha osservato che gli attacchi hanno aiutato Rajapaksa a emergere come un “candidato alla sicurezza nazionale” e a vincere le elezioni del novembre 2019.

Ranjith ha accusato l’amministrazione Rajapaksa di proteggere i menzionati agenti dell’intelligence militare in due indagini interne separate che rimangono inconcludenti.

La Corte Suprema dello Sri Lanka, a febbraio, ha assolto due alti funzionari accusati di “crimini contro l’umanità” per non essere riusciti a prevenire gli attentati della domenica di Pasqua.

Telina Harshani, 38 anni, di Negombo, è sopravvissuta all’attacco alla chiesa di Katwapitiya ma ha perso il figlio di sette anni, accecato all’occhio sinistro e paralizzato dalla vita in giù.

Harshani era una ballerina e insegnante di danza prima dell’esplosione e ora sta cercando la verità, perché “vogliamo sapere chi ha fatto questo e perché dobbiamo soffrire così tanto”, ha detto.

Pradeep Susanta, 48 anni, anche lui di Negombo, ha perso tutta la sua famiglia negli attacchi: tre figli e sua moglie.

“Vogliamo che venga rivelata prima la verità e poi giustizia per le vittime della tragedia”, ha spiegato mons. Winston Fernando, presidente della Conferenza episcopale dello Sri Lanka.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x