Il piano del Regno Unito per il Ruanda è “fondamentalmente incoerente” con i suoi obblighi in materia di diritti | Notizie sui rifugiati

Il piano del Regno Unito per il Ruanda è “fondamentalmente incoerente” con i suoi obblighi in materia di diritti |  Notizie sui rifugiati

La legislazione potrebbe violare i trattati internazionali, secondo un rapporto parlamentare.

Il piano del governo britannico di deportare i richiedenti asilo in Ruanda viola gli obblighi del paese in materia di diritti umani e potrebbe violare il diritto internazionale, afferma un rapporto parlamentare.

I legislatori del Comitato congiunto interpartitico per i diritti umani del Parlamento hanno affermato in un rapporto di 52 pagine pubblicato lunedì che la legislazione del governo volta a rilanciare il piano di deportazione “non è conforme agli obblighi internazionali del Regno Unito”.

Il disegno di legge, che è stato rapidamente presentato al Parlamento, mira a contrastare una sentenza della Corte Suprema di novembre che ha concluso che il Ruanda non è un paese sicuro in cui le persone che cercano asilo nel Regno Unito potrebbero essere rimpatriate con la forza.

La legislazione afferma che il Ruanda è un paese sicuro e che chiunque venga inviato lì dal governo del Regno Unito non verrà nuovamente sfollato in un altro paese non sicuro. Il rapporto parlamentare di lunedì afferma che ciò non può essere praticamente garantito.

Il rapporto afferma che la legislazione del governo mina le tutele previste dalla legge sui diritti umani del paese, contravviene a parti della Convenzione europea sui diritti umani e non affronta pienamente l’obbligo del Regno Unito di rispettare i trattati internazionali, inclusa la Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati del 1951.

READ  Post aperto: ospitato dalla donna che è caduta in una dipendenza cercando di recuperare il suo telefono caduto e ha dovuto essere salvata

Avverte che il governo sta minando la reputazione del Regno Unito di tutela dei diritti e di fatto indebolendo i tribunali britannici costringendoli a considerare il Ruanda un paese sicuro anche se non lo ritiene tale.

“L’esclusione quasi totale del controllo giudiziario da parte del progetto di legge cerca di minare il ruolo costituzionale dei tribunali nazionali nel chiedere conto all’esecutivo”, ha affermato.

La deputata Joanna Cherry, presidente della commissione, ha affermato che il progetto di legge del governo “mira a eliminare le salvaguardie vitali contro la persecuzione e le violazioni dei diritti umani, compreso il diritto fondamentale di accesso alla corte”.

“Al centro c’è l’ostilità verso i diritti umani, e nessun emendamento può salvarlo”, ha detto dopo che la commissione ha ricevuto prove da esperti legali, accademici e ONG.

Il governo conservatore ha sempre più enfatizzato una politica di lotta alla “immigrazione irregolare” verso il Regno Unito, soprattutto tramite piccole imbarcazioni che attraversano la Manica.

I partiti di opposizione e una serie di organismi internazionali, tra cui l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, hanno criticato la legislazione che prevede la deportazione dei richiedenti asilo nel paese dell’Africa orientale.

Il primo ministro Rishi Sunak, alle prese con le elezioni generali quest’anno, è rimasto concentrato su questa politica.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x