Il primo ministro italiano Mario Draghi ha affermato che l’Unione europea dovrebbe allentare le regole fiscali per consentire maggiori stimoli

Scopri cosa sta guidando l’economia globale e cosa significa per i politici, le aziende e gli investitori, mentre sei con The New Economy Daily. Registrati qui.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha affermato che il quadro di controllo del debito dell’Unione europea deve essere modificato per aiutare la zona euro a resistere ai danni economici della pandemia di coronavirus.

“Le attuali regole fiscali sono insufficienti, sono ancora più inadeguate per un’economia che emerge dalla pandemia”, ha detto mercoledì Draghi ai legislatori italiani a Roma. “Una revisione delle regole deve garantire margini più ampi affinché la politica fiscale agisca come forza stabilizzatrice anticiclica”.

Fotografo: Alicia Perdominico / Bloomberg

Le regole dell’Unione Europea sono state sospese durante la pandemia per consentire agli Stati membri di sostenere famiglie e imprese attraverso frequenti chiusure. Il commissario all’Economia Paolo Gentiloni ha dichiarato mercoledì che la sospensione dovrebbe rimanere in vigore fino alla fine del prossimo anno.

Quando ciò accadrà, potrebbe non essere facile tornare ai vecchi limiti dato che il debito pubblico del blocco valutario è cresciuto fino a un livello record del 100% del PIL. Il governo italiano, in particolare, ha speso finora più di 170 miliardi di euro (205 miliardi di dollari) in stimoli economici, con un aumento del debito di quasi il 160% quest’anno.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x