Il primo ministro ungherese Viktor Orban sta affrontando una rara crisi politica dopo le dimissioni del presidente

Il primo ministro ungherese Viktor Orban sta affrontando una rara crisi politica dopo le dimissioni del presidente

FOTO DI FILE: Il primo ministro ungherese Viktor Orban parla durante una conferenza stampa congiunta con il vice primo ministro italiano Matteo Salvini a Budapest, in Ungheria, il 2 maggio 2019. Trump accoglie Orban alla Casa Bianca lunedì 13 maggio. Fotografia di Bernadette Szabo/Reuters

BUDAPEST, Ungheria (AP) – Il governo del primo ministro ungherese Viktor Orban sta affrontando una rara crisi politica dopo che il presidente si è dimesso in mezzo alla rabbia dell’opinione pubblica per la grazia concessa a un uomo condannato in un caso di abusi sessuali su minori.

Le dimissioni della presidente Katalin Novak sono arrivate lo scorso fine settimana dopo che è stato rivelato che aveva graziato nell'aprile 2023 un uomo condannato per aver nascosto aggressioni sessuali su minori in un orfanotrofio statale. Anche la ministra della Giustizia Judit Varga ha annunciato il suo ritiro a causa del suo ruolo nel sostenere la decisione.

Alcuni oppositori di Orban sostengono che le dimissioni di due membri senior del suo partito nazionalista Fidesz non siano sufficienti e che Orban debba sopportarne le conseguenze politiche.

Anna Donath, deputata al Parlamento europeo del partito d'opposizione ungherese Momentum, ha dichiarato: “Viktor Orbán non si vergognava di nascondersi dietro le gonne di due donne invece di assumersi la responsabilità”. “Ecco perché non possiamo permettere che la questione si chiuda in questo modo”.

Non c’è stata alcuna reazione pubblica da parte di Orban alle dimissioni.

Il leader più longevo dell’UE e il suo partito Fidesz governano l’Ungheria con una maggioranza costituzionale quasi continua dal 2010. Dopo aver posto i lealisti a capo delle istituzioni governative e giudiziarie e aver controllato ampi settori dei media ungheresi, Fidesz ha reso il compito facile . Sconfiggi gli avversari.

READ  Il ministro degli esteri tedesco ha detto che l'Unione europea punirà Putin e Lavrov

Per saperne di più: La Turchia ha ufficialmente ratificato l'adesione della Svezia alla NATO, lasciando l'Ungheria come l'unico alleato a non averlo ancora approvato.

Ma Daniel Hegedus, analista e membro dell’Europa centrale presso il German Marshall Fund, ha affermato che le dimissioni di Novak e Varga hanno creato una divisione tra i sostenitori di Orbán e hanno portato alcuni a credere che venissero sacrificati per proteggere il primo ministro dalle ricadute politiche della crisi. scandalo.

Hegedus ha affermato che le dimissioni “vanno contro la logica di come è stata costruita finora la lealtà al regime di Orbán”. “Ciò divide gli elettori principali di Fidesz sulla questione se questi due politici debbano davvero essere sacrificati”.

Novak, ex vicepresidente di Fidesz, ha servito come ministro della Famiglia fino alla sua nomina alla presidenza nel 2022. È stata schietta nel difendere la famiglia tradizionale e la protezione dei bambini, una pietra angolare dell'immagine di Fidesz come difensore del cristianesimo. Valori conservatori.

Ma la grazia presidenziale ha danneggiato la reputazione del suo partito e ha minacciato di alienare parti della base elettorale conservatrice.

“Penso che abbiano visto chiaramente nei loro sondaggi interni che la situazione è diventata pericolosa e che i gruppi elettorali critici rifiutano il comportamento dell'ex presidente”, ha detto Hegedus di Fidesz.

Alcuni dei maggiori rivali di Orban spingono per ulteriori conseguenze.

La Coalizione Democratica, il più grande partito di opposizione, ha chiesto elezioni presidenziali dirette invece che il successore di Novak venga nominato dalla maggioranza di Fidesz in parlamento.

In un post su Facebook, Ferenc Gyurcsany, leader della Coalizione Democratica e primo ministro dal 2004 al 2009, ha promesso che le dimissioni di due dei più stretti alleati di Orban non sarebbero sufficienti per porre fine alla controversia.

READ  Il leader del Congresso del Punjab, Amrinder Raja Singh Waring, accusa l'AAP di parlare in modo doppio sull'UCC | Notizie Chandigarh

“Le dimissioni di Novak e Varga non hanno chiuso il caso, ma piuttosto lo hanno aperto”, ha scritto.

Ma il leader del blocco parlamentare Fidesz, Matej Kocsis, ha rifiutato l’idea delle elezioni dirette.

“È inutile che quando la sinistra è al potere elegga il presidente, e quando siamo al potere il popolo elegga il presidente”, ha detto Koksis.

Partire:
FOTO DI FILE: Il primo ministro ungherese Viktor Orban parla durante una conferenza stampa congiunta con il vice primo ministro italiano Matteo Salvini a Budapest, in Ungheria, il 2 maggio 2019. Trump accoglie Orban alla Casa Bianca lunedì 13 maggio. Fotografia di Bernadette Szabo/Reuters

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x