Hamza, figlio del corrispondente di Al Jazeera Wael Dahdouh, è stato martire durante un bombardamento israeliano su Gaza Notizie della guerra israeliana a Gaza

Hamza, figlio del corrispondente di Al Jazeera Wael Dahdouh, è stato martire durante un bombardamento israeliano su Gaza  Notizie della guerra israeliana a Gaza

Hamza Dahdouh, il figlio maggiore del capo dell'ufficio di Gaza di Al Jazeera Wael Dahdouh, è stato martirizzato in un attacco missilistico israeliano sulla parte occidentale della città di Khan Yunis a Gaza.

Anche il giornalista Mustafa Thuraya è rimasto ucciso nell'attacco, quando l'auto su cui viaggiavano vicino ad Al-Mawasi, una zona presumibilmente sicura verso sud-ovest, è stata colpita da un missile. Un terzo passeggero, Hazem Rajab, è rimasto gravemente ferito.

Secondo quanto riferito dai corrispondenti di Al Jazeera, l'auto di Hamza e Mustafa è stata presa di mira mentre cercavano di condurre interviste con i civili sfollati a causa del precedente bombardamento.

Hamza Dahdouh ha condiviso questa sua foto con suo fratello Mahmoud con un triste messaggio per salutarlo nell'ottobre dello scorso anno. [Courtesy Dahdouh family]

Hamza, 27 anni, era un giornalista come suo padre. Anche Mustafa aveva vent'anni.

Parlando dal cimitero dove è stato sepolto suo figlio, Wael sembrava sottomesso ma rassegnato, dicendo che era una delle folle di persone a Gaza oggi che ogni giorno danno un amaro addio ai loro cari.

Si è impegnato a continuare sulla sua strada per mostrare al mondo cosa sta accadendo a Gaza, nonostante il dolore di una perdita dopo l’altra.

Ha detto: “Hamza era tutto per me, il figlio maggiore, era l’anima della mia anima… Queste sono lacrime di separazione e perdita, lacrime di umanità”.

Il corpo del giornalista Mustafa Thuraya è stato trasferito all'obitorio dell'ospedale del Kuwait a Rafah dopo che il direttore dell'ufficio di Al Jazeera a Gaza, Wael Al-Dahdouh, Hamza Dahdouh e Thuraya, sono stati uccisi a Khan Yunis da un missile israeliano che ha colpito l'auto in cui viaggiavano il 7 gennaio,
Il corpo del giornalista Mustafa Thuraya è stato trasferito all'obitorio dell'ospedale kuwaitiano di Rafah, Gaza, dopo che lui e Hamza Dahdouh furono martirizzati a Khan Yunis da un missile israeliano che colpì la loro auto il 7 gennaio 2024. [Abed Zagout/Anadolu]

Al Jazeera Media Network ha condannato fermamente l'attacco e ha aggiunto: “L'assassinio di Mustafa e Hamza… mentre erano in viaggio per svolgere il loro dovere nella Striscia di Gaza, riafferma la necessità di adottare immediatamente le necessarie misure legali contro forze di occupazione e garantendo nessuna impunità”.

Nella sua risposta alla notizia, il Gaza Media Office ha condannato l’uccisione dei giornalisti, denunciando “nei termini più forti questo crimine atroce”.

READ  Attacchi nel Mar Rosso: Russia e Cina si scontrano con Stati Uniti e Regno Unito per gli attacchi ai ribelli yemeniti

Dolore costante

Hamza era molto legato alla sua famiglia, ed è rimasto scioccato quando ha saputo il 25 ottobre che un raid israeliano aveva colpito la casa dove la sua famiglia si era rifugiata nel campo profughi di Nuseirat.

Presto scoprì che sua madre Amna, suo fratello Mahmoud, di 15 anni, sua sorella Sham, di 7 anni, e suo nipote Adam, di 1 anno, erano stati uccisi nell'attacco israeliano. Sembrava che la tristezza per la loro perdita lo incoraggiasse a lavorare di più per coprire la guerra a Gaza, secondo il suo collega.

Yahya piange sul corpo di sua madre, con suo padre Wael accanto a lui
Wael Dahdouh, al centro, e il figlio più giovane Yahya, 12 anni, piangono la moglie, il figlio, la figlia e il nipote uccisi in un attacco israeliano al campo profughi di Nuseirat, il 26 ottobre 2023. [Ali Mahmoud/AP Photo]

Non appena si è diffusa la notizia dell'omicidio di Hamza, sua moglie da un anno si è precipitata al cimitero, così come i suoi fratelli sopravvissuti, per dare un'ultima occhiata prima di seppellirlo.

Wael stava accanto alla testa di suo figlio, consolando il resto della sua famiglia mentre cercavano di comprendere l'improvvisa perdita.

La sua compostezza e forza hanno reso Wael Dahdoud molto più che il direttore dell'ufficio Al Jazeera Al Arabiya a Gaza. È il volto della copertura del canale sulla guerra di Israele a Gaza e un simbolo della fermezza del popolo di Gaza.

Quando perse la moglie, il figlio, la figlia e il nipote nell'attacco aereo israeliano alla fine di ottobre, il mondo lo guardò con orrore mentre correva all'ospedale dove furono portati i corpi dei suoi quattro cari.

Il corrispondente di Al Jazeera Wael Al-Dahdouh piange il corpo di uno dei suoi figli
Wael Dahdouh piange il corpo di uno dei suoi figli martirizzato con la moglie e il figlio in un bombardamento israeliano, presso l'ospedale Al-Aqsa a Deir al-Balah, a sud della Striscia di Gaza. [Majdi Fathi/AFP]

Dopo aver salutato con emozione i suoi figli, nipote e partner, sembrava anche più determinato che mai a fare il suo lavoro.

Poi, a metà dicembre, è rimasto gravemente ferito in un attacco che ha ucciso il suo collega Samer Abu Daqqa, ma è uscito di nuovo per coprire la notizia subito dopo.

READ  L'israeliano Benjamin Netanyahu è stato portato in ospedale Benjamin Netanyahu Notizie

Il Sindacato dei giornalisti palestinesi ha documentato l'uccisione di 102 giornalisti e il ferimento di altri 71 per mano delle forze israeliane dall'inizio delle ostilità in ottobre.

Adesivo di YouTube

Cresce anche l’elenco dei giornalisti e dello staff di Al Jazeera che hanno perso familiari o sono morti.

A dicembre, Anas Al-Sharif ha perso suo padre in un attacco aereo israeliano che ha colpito la sua casa di famiglia a Jabalia.

Pochi giorni fa, il 6 dicembre, il corrispondente di Al Jazeera Al Arabiya Moamen Al-Sharafi ha ucciso 22 membri della sua famiglia quando un attacco israeliano ha colpito la casa dove si rifugiavano nel campo profughi di Jabalia.

Alla fine di ottobre, l’ingegnere radiofonico Muhammad Abu Al-Qumsan ha perso 19 membri della sua famiglia, tra cui suo padre e due sorelle, durante gli attacchi aerei israeliani sullo stesso campo profughi.

Adesivo di YouTube

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x