Il Regno Unito ha approvato il vaccino Pfizer-BioNTech

Il Regno Unito ha approvato un vaccino contro il coronavirus della Pfizer-BioNTech, diventando il primo paese al mondo a consentirne l’utilizzo su una popolazione. La decisione è stata annunciata alle 8 del mattino di mercoledì con le prime dosi a partire da pochi giorni. Il vaccino Pfizer / BioNTech ha richiesto solo dieci mesi dal momento in cui è stato sviluppato fino alla prima licenza, un record per soluzioni di questo tipo che in genere richiedono anni sul mercato.

La UK Medicines Regulatory Agency (MHRA) ha esaminato le analisi ei dati forniti dalle due società, raccolti durante i loro studi clinici con circa 44.000 volontari iniziati la scorsa estate. Nell’ultima (su 3) fase dell’esperimento, Il vaccino è stato efficace al 95%., Una cifra superiore alle attese da molti esperti e osservatori. Il governo britannico ha seguito l’esempio Ricevuto Raccomandazione per l’autorizzazione dell’MHRA. Il ministro della Sanità britannico Matt Hancock ha dichiarato in un tweet su Twitter che “gli aiuti sono in arrivo” e che “il sistema sanitario nazionale è pronto per iniziare le vaccinazioni all’inizio della prossima settimana”.

Come molti altri paesi, anche il Regno Unito ha richiesto le prime dosi del vaccino alla Pfizer-BioNTech prima dell’approvazione, in modo che siano disponibili non appena si ottiene l’autorizzazione. In totale, le dosi richieste finora sono 40 milioni, sufficienti per immunizzare 20 milioni di persone: il vaccino deve essere somministrato due iniezioni alla volta ogni mese; Il primo lotto di 10 milioni di dosi dovrebbe essere disponibile entro pochi giorni.

I primi a ricevere il vaccino nel Regno Unito saranno membri dell’assistenza sanitaria e degli operatori dei servizi sociali, gli anziani e altri gruppi a rischio. Successivamente, il governo prevede di portare avanti l’amministrazione per il maggior numero possibile di individui di età superiore ai 50 anni e di giovani con altri problemi di salute. Questa seconda fase dovrebbe iniziare all’inizio del 2021, con più dosi disponibili.

READ  Copia 'Salvatore Mundi': la polizia italiana recupera una copia rubata di 500 anni dell'opera di Leonardo da Vinci

Il primo vaccino approvato nel Regno Unito Dipendente dall’RNA messaggero (mRNA), La molecola che codifica e trasporta le istruzioni nel DNA per produrre proteine. I vaccini basati su questo sistema utilizzano forme sintetiche di mRNA – prodotte in laboratorio – che contengono istruzioni per produrre specifiche proteine ​​del coronavirus. In questo modo il sistema immunitario impara a riconoscerlo e combatterlo, ma senza i rischi a cui sarebbe esposto in caso di una vera e propria infezione da Coronavirus. Le conoscenze acquisite possono quindi essere utilizzate contro queste proteine ​​dal sistema immunitario per contrastare qualsiasi infezione reale.

La tecnologia basata su mRNA consente una produzione più rapida del dosaggio e una semplificazione di alcuni passaggi in più rispetto ai metodi tradizionali, ma è molto recente e finora nessun vaccino a base di mRNA è stato ampiamente commercializzato o utilizzato. Per questo restano ancora alcuni dubbi sulle potenzialità e l’affidabilità del sistema, anche se le notizie nelle ultime settimane di vaccini sperimentali che lo utilizzano sono state alquanto incoraggianti.

Pfizer-BioNTech non è l’unica azienda ad aver sviluppato un vaccino a base di mRNA. Ad esempio, anche l’azienda biotech americana Moderna lo ha fatto, che riferisce di aver trovato il 94,1% della sua efficacia vaccinale. La stima si basa su un’analisi dei dati raccolti durante la Fase 3. Anche gli studi clinici sono recenti È iniziato questa settimana Richieste di autorizzazione di emergenza.

A differenza di altri vaccini, i vaccini Pfizer-BioNTech devono essere conservati a una temperatura di circa -70 ° C e questo può essere problematico per la loro distribuzione. La sicurezza della catena del freddo sarà una delle principali sfide per la logistica del nuovo vaccino, sebbene Pfizer abbia annunciato di aver sviluppato contenitori contenenti materiale isolante e ghiaccio secco, garantendo il mantenimento di una temperatura di -70 ° C per diversi giorni.

READ  Vinales dice che il consiglio sbagliato di pneumatici Yamaha "manca" al San Marino Motorcycle Tour | Notizie MotoGP

Il vaccino Moderna va conservato a temperature più basse, ma l’azienda ha recentemente riferito che la sua soluzione mantiene una temperatura di -20 ° C e che, una volta scongelata, rimane stabile per trenta giorni se conservata tra 2 e 8 ° C. Queste temperature dal frigorifero, non dai congelatori molto forti, dovrebbero porre meno difficoltà nel trasporto e nella conservazione del vaccino nelle farmacie e negli ospedali, che sono già dotati di frigoriferi per conservare altri tipi di vaccini.

È bene ricordare che non sappiamo ancora per quanto tempo durerà la protezione fornita da questi vaccini, né quanto siano efficaci al di fuori degli studi clinici. I vaccini sono spesso meno efficaci nella comunità rispetto alle sperimentazioni. Inoltre, non è chiaro quanto durerà l’immunizzazione, perché i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna sono in circolazione da un periodo troppo breve per essere stimato con precisione.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x