Il vicepresidente esclusivo del Tesoro degli Stati Uniti ritiene che il Gruppo dei sette paesi industrializzati sostiene un surplus del 15% dalla tassa minima globale

L’economista Adewale “Wally” Adeyemo ascolta le domande durante la nomina della Commissione Finanze del Senato a Vice Segretario del Tesoro presso l’edificio degli uffici del Senato a Dirksen, Washington, DC, USA, 23 febbraio 2021. Greg Nash / Paul tramite Reuters

Il vice segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Wally Adimo, ha dichiarato di aspettarsi un forte sostegno dalle democrazie industriali del G7 per l’amministrazione Biden che ha proposto di aumentare le tasse globali sulle società del 15%, il che a sua volta dovrebbe aiutare a rafforzare il sostegno del Congresso degli Stati Uniti per la legislazione nazionale in materia di imposta sulle società.

“La mia sensazione è che vedrete molto sostegno consolidato da parte del G7 in futuro”, ha detto lunedì Adimeo a Reuters, dopo i commenti di sostegno sulla proposta del Tesoro di Francia, Germania, Italia e Giappone. Leggi di più

Adimeo ha detto che questo sostegno potrebbe essere espresso in una riunione personale dei ministri delle finanze del G7 a Londra il 4-5 giugno.

La Gran Bretagna, presidente del Gruppo dei Sette, ha reagito in modo più cauto. Leggi di più

La scorsa settimana, il Tesoro ha introdotto un’aliquota globale inferiore del 15% o superiore, ben al di sotto dell’aliquota minima dell’amministrazione Biden del 21% per il reddito delle società statunitensi all’estero e dell’aliquota dell’imposta sulle società nazionali proposta del 28%. Leggi di più

Nel 2017, l’amministrazione Trump ei repubblicani al Congresso hanno abbassato l’aliquota al 21% nel 2017 e hanno fissato un’aliquota fiscale minima sul reddito esterno da fonti immateriali al 10,5%.

La proposta di tassazione minima globale negli Stati Uniti dovrebbe essere un argomento di discussione importante in un ipotetico incontro premier dei leader finanziari del G7 venerdì.

READ  Posso morire: Daniil Medvedev sopravvive al caldo soffocante dei Giochi di Tokyo

Ademu, che è coinvolto nei colloqui fiscali presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha affermato di aspettarsi un ampio impegno internazionale del 15% o più per contribuire a costruire il sostegno al Congresso per un aumento dell’imposta sulle società negli Stati Uniti riducendo il divario tra Stati Uniti e tassi esteri. Una volta stabilito un piano superiore negli Stati Uniti, ha aggiunto, fornirà incentivi ad altri paesi per avvicinarsi alla media degli Stati Uniti.

“Se riusciamo a convincere il mondo che è disposto a fare almeno il 15%, questo ci dà la possibilità di tornare alla conversazione internazionale una volta terminata l’opera d’arte locale”.

I negoziatori nei colloqui fiscali presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico miravano a un primo accordo quest’estate. Quando i leader finanziari del G20 si incontreranno a Venezia, in Italia, a luglio, dovrebbe esserci un buon senso di unità attorno a una struttura fiscale globale più bassa, ha affermato Adimeo. Ha aggiunto che ci sarebbero molti dettagli tecnici del lavoro, quindi potrebbe essere necessario attendere che i leader del G20 si incontrino a Roma alla fine di ottobre.

(Questa storia viene ripetuta per aggiungere la parola “il” nella citazione nel nono paragrafo)

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x