― Advertisement ―

spot_img
HomeentertainmentImpossible 7' e 'Fast X', Roma è un hotspot di Hollywood -...

Impossible 7′ e ‘Fast X’, Roma è un hotspot di Hollywood – Variety

I monumenti iconici di Roma stanno guadagnando un sacco di chilometri nei successi di Hollywood quest’estate.

Da maggio, la Città Eterna ha ospitato le anteprime di “Fast X” e “Mission: Impossible – Dead Reckoning Part One”, due famosi film che hanno bruciato gomma e devastato le sue strade acciottolate.

La Universal ha tenuto il suo tappeto rosso “Fast X” al Tempio di Venere del Foro Romano, con il Colosseo sullo sfondo, all’inizio di maggio. Alcune settimane dopo, la Paramount è scesa per la premiere di giugno di “M:I 7”, dove Tom Cruise stava saltando la stessa scalinata di Piazza di Spagna che è stata l’ambientazione degli spettacolari inseguimenti automobilistici in entrambi i film.

“Abbiamo già fatto inseguimenti in auto nei film di Mission Impossible, ma niente del genere”, si è vantato Cruz sul tappeto rosso. La selvaggia sequenza “M:I 7” segue il potente Hummer all’inseguimento di una Fiat 500 vintage gialla dalle dimensioni ridotte. Quest’ultimo è guidato da Cruz e Hayley Atwell, che, in stile “missione impossibile”, sono ammanettati insieme come frecce Fiat lungo la vecchia scala.

Anche Vin Diesel è rimasto stupito dall’accesso concesso a ‘Fast X’: “Non potevo credere che ci fosse un [Dodge] Charger e stavamo urlando “Azione!” davanti al Colosseo diversi. “Non avrei mai sognato che ciò accadesse 20 anni fa”.

Nemmeno la Rome Film Commission, che sta facendo passi da gigante per rendere la capitale italiana più a misura di troupe mentre cerca di corteggiare i suoi amici di Hollywood.

“Queste anteprime romane rappresentano il momento culminante di un viaggio che negli ultimi anni ha reso l’Italia ancora più attraente come destinazione cinematografica”, afferma Cristina Briaroni, che dirige la Commissione Roma e presiede anche le Italian Film Commissions dell’Assn.

READ  Al The Branch di Mattituck, tutto ruota attorno all'abbondanza di birra aperta

Un punto di svolta, sostiene Briaron, sono i generosi tagli fiscali del 40% in Italia per film e serie TV internazionali, che sono stati introdotti nel 2008 e sono tra i più alti in Europa (superando quelli di Francia, Regno Unito, Germania, Ungheria e Romania). Inoltre, il suo team ha lavorato a stretto contatto con le autorità locali per ridurre la burocrazia, quindi l’ufficio permessi municipale di Roma è ora una “macchina ben fornita”. Nel frattempo, i Cinecittà Studios di Roma, che hanno produzioni da “Ben-Hur” a “Gangs of New York”, stanno subendo un’importante ristrutturazione, consolidando lo status della città come calamita per il cinema.

E Briaron fa notare che “M:I 7” ha iniziato la produzione in Italia all’inizio del 2020 all’inizio della pandemia: “Abbiamo lavorato tutti con le autorità regionali e i sindacati per creare le condizioni affinché queste riprese avvenissero”.

Alla gremita premiere all’Auditorium della Conciliazione, a due passi dal Vaticano, Cruz ha detto solennemente sul palco: “Tutti sapevano cosa stava succedendo nel mondo quando abbiamo girato questo film qui”.

“Se non fosse per tutti in tutti [Rome] La comunità che ha lavorato con noi, dai ristoranti per strada, alla polizia, a tutti coloro che sono in viaggio, al governo e al personale medico – tutti si assicurano che siamo tutti al sicuro – non avremmo potuto creare ciò che vedremo questo sera.”

Quanto a Cruz, la star del cinema è arrivata alla cerimonia con più di 90 minuti di ritardo, dopo essere stata messa da parte per un incontro improvvisato con il primo ministro Giorgia Meloni.

Secondo le fonti, avrebbe voluto ringraziare personalmente il Presidente del Consiglio italiano per aver reso possibile l’evento “M:I 7” a Piazza di Spagna. La Meloni avrebbe superato le resistenze di alcune autorità locali, contrarie all’inaugurazione del monumento settecentesco per timori di usura.

READ  Il G7 ei suoi alleati solleciteranno la comunità internazionale a unirsi contro la Russia

Queste preoccupazioni sono davvero giustificate.

Quasi un anno fa, un cittadino saudita di 37 anni ha guidato una Maserati a noleggio giù per le scale a due piani, causando danni. È stato arrestato all’aeroporto di Milano Malpensa dopo che la polizia lo ha identificato dai filmati delle telecamere a circuito chiuso dell’auto.

Quindi quando sei a Roma, non cercare di vivere ciò che hai visto al cinema.