― Advertisement ―

spot_img
HomeEconomyIn Libia e restituiranno le vittime dell'inganno e dell'astuzia

In Libia e restituiranno le vittime dell’inganno e dell’astuzia

Durante il volo di ritorno in India, Rahul Kumar ha un solo pensiero in mente: se l’aereo precipita, non incontrerà le sue tre giovani figlie, la sua paura e la paranoia si sono accumulate durante i sei mesi di assenza. Il signor Kumar, insieme ad altri 16 uomini provenienti dall’Haryana e dal Punjab, stavano tornando dalla Libia il 20 agosto, dove erano stati trattenuti per sei mesi da un gruppo armato, essendo entrati illegalmente nel paese. Gli uomini, che sognavano di trovare lavoro in Italia con un permesso di lavoro, sono stati ingannati da “agenti” indiani. Lì sono stati aggrediti, costretti a lavorare nei cantieri senza retribuzione, a vivere in condizioni disumane e senza cibo né acqua per settimane.

Il signor Kumar, proprietario di un parrucchiere a Karnal, dice: “I miei affari andavano bene, guadagnavo dalle 30.000 alle 40.000 rupie al mese, tuttavia volevo guadagnare di più lavorando come autista fuori dall’India”. voleva comprare una casa e provvedere meglio alla sua famiglia. Ha deciso di cercare lavoro fuori dall’India. Ha preso in considerazione l’idea di trasferirsi in Canada o nel Regno Unito, ma il piano è fallito. Il suo amico Madan Lal, anche lui agente di viaggio, ha accettato di mandarlo in Italia con un permesso di lavoro per 13.000 rupie. “Ho subito accettato”, dice.

A febbraio, il signor Kumar ha fatto le valigie. Ha comprato 10 paia di jeans e qualche scarpa. È tornato questa settimana indossando un paio che indossava da tre settimane. Le sue scarpe erano logore e strappate.

Crimine e punizione

Rajat Gulia, vice sovrintendente della polizia (Pihawa, nel distretto di Kurukshetra, Haryana) ha detto che Madan Lal e Rajat Gulia sono stati arrestati a Bihawa ai sensi della sezione 370 dell’IPC (acquisto o cessione di qualsiasi persona come schiavo), sezione 406 (violazione penale della fiducia) . ). ), sezioni 420 (frode), sezioni 10 e 24 dell’Immigration Act 1983. Dice che gli uomini hanno ottenuto i visti e i permessi di lavoro tramite gli stessi “agenti di viaggio”.

READ  Orcel utilizza un'ascia in Italia UniCredit nell'apertura come CEO

Il deputato Aam Aadmi Vikramjit Singh Sahni ha chiesto l’intervento dell’ambasciata indiana a Tunisi (non esistendo una missione indiana in Libia) e delle Nazioni Unite sulla questione. “Non sapevano, sono stati ingannati con documenti falsi e venduti a diversi gruppi mafiosi attraverso diversi agenti in diverse città lungo il percorso”, dice, aggiungendo che la polizia del Punjab ha istituito una squadra investigativa speciale per indagare ulteriormente sulla questione. Soggetto.

Vendere sogni

A Bihawa, a casa di sua sorella, il signor Kumar è seduto sul divano e guarda i suoi figli, che hanno meno di 10 anni. I suoi occhi sono circondati da occhiaie. Negli ultimi sei mesi e mezzo non ha quasi dormito. Finora aveva temuto di essere aggredito con gli occhi coperti da un panno nero. Evita le conversazioni e mangia pochissimo, perché vomita tutto. Spiega quante persone come lui, che volevano lavorare all’estero, sono state assunte con visti falsi e costrette a lavorare come operai edili per un salario nullo o molto basso.

Più di 30 persone erano stipate in piccole stanze, dice il signor Kumar. C’erano pidocchi ovunque. Gli sono stati sequestrati il ​​passaporto e il cellulare. Molti sono sopravvissuti a ciò che è rimasto sul terreno.

“Questi clienti vendono sogni di lavoro all’estero, come si vede nei film”, dice suo genero Balwan. “La gente se ne innamora. Tutti vogliono andare in Canada o negli Stati Uniti per lavorare in lavori come pulizie o guida.”

Un ufficiale dice: “Ai giovani vengono offerti i sogni di Bollywood, come se tutti potessero trovare un lavoro come autista, trovare una vita lì, e la maggior parte degli uomini qui non accetta nemmeno di essere mandati illegalmente, e alcuni degli agenti lavorare anche dall’estero.”

READ  Lezioni manageriali dal calcio

Il gruppo di uomini ha intrapreso la “via degli asini”, un modo illegale e pericoloso per raggiungere i paesi.

vita sotto shock

Prima di partire per la Libia, Paramjit Singh, 44 anni, proprietario di un negozio di abbigliamento a Kurukshetra, soffre di attacchi di panico ogni due ore. Fatica a parlare alla sua famiglia della sua esperienza. Il suo peso alla partenza era di 88 kg. Ora pesa 55 kg. E ogni notte ricorda come è stato torturato.

“Ho paura di restare all’oscuro, ricordo di essere stato gettato al sole mentre la gente mi picchiava e mi spruzzava con acqua. Ora ho bisogno che la mia famiglia sia sempre accanto a me. ” Ricorda anche i mesi trascorsi nella prigione di Tripoli, dove circa 700 detenuti erano detenuti nella baracca Uno con sette bagni.

Al momento nessuno degli uomini sa come tornare alla vita normale.

Questo è un articolo in primo piano disponibile esclusivamente per i nostri abbonati. Per leggere più di 250 articoli premium ogni mese

Hai esaurito il limite degli articoli gratuiti. Per favore, sostenete il giornalismo di qualità.

Hai esaurito il limite degli articoli gratuiti. Per favore, sostenete il giornalismo di qualità.

Questo è il tuo ultimo articolo gratuito.