Italia: molti paesi del G20 vogliono obiettivi climatici più urgenti

Un funzionario italiano ha affermato che diversi ministri del clima e dell’energia alla riunione del G20 ospitata dall’Italia hanno concordato venerdì di lavorare verso obiettivi più ambiziosi per combattere il cambiamento climatico rispetto a quelli stabiliti negli accordi di Parigi del 2015.

Anche il ministro italiano per la Transizione ambientale, Roberto Cingolani, ha affermato durante una conferenza stampa che la preoccupazione per le devastanti alluvioni avvenute la scorsa settimana in Germania, Belgio e Paesi Bassi era evidente durante i due giorni di negoziati a Napoli. La Germania e l’Unione Europea sono membri del Gruppo dei Venti.

“Tutto è iniziato con l’offerta di condoglianze” ai rappresentanti dei paesi colpiti, ha detto Singolani. Ha detto che tali disastri naturali “cambiano le coscienze” anche a livello politico.

Gli scienziati del clima affermano che il legame tra condizioni meteorologiche estreme e riscaldamento globale è inequivocabile, il che dimostra che è necessaria un’azione urgente. I paesi del G20 rappresentano complessivamente circa l’80% del PIL mondiale e circa il 60% della popolazione del pianeta.

Gli Stati Uniti, l’Unione Europea, il Giappone e il Canada hanno chiarito che “intendono risolutamente muoversi più velocemente dell’accordo di Parigi entro (la fine del) decennio e sotto 1,5 gradi”, ha detto Cingolani nei colloqui di Napoli.

I leader mondiali hanno concordato sei anni fa a Parigi di lavorare per impedire che le temperature globali aumentino di oltre due gradi Celsius (3,6 gradi Fahrenheit) e idealmente non più di 1,5 gradi Celsius (2,7 Fahrenheit) entro la fine del secolo. Gli scienziati affermano che entrambi gli obiettivi verranno persi con un ampio margine a meno che non vengano prese misure drastiche per ridurre le emissioni.

READ  Regali Pokemon per la conferma di questa settimana: cosa ci aspettiamo

“Questo mezzo grado potrebbe fare un’enorme differenza in termini di scioglimento delle nevi” e altri fenomeni legati al cambiamento climatico, ha affermato Singolani.

In ogni caso, ha detto Singolani, tutti i membri del G20 hanno concordato di raggiungere almeno gli obiettivi di Parigi. “Nessun paese mette in discussione gli accordi di Parigi”, ha detto.

L’inviato per il clima del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, John Kerry, ha partecipato ai colloqui di Napoli. All’inizio della settimana, Kerry ha invitato la Cina ad unirsi agli Stati Uniti nel ridurre urgentemente i gas serra.

Il ministro italiano ha affermato che la maggior parte dei paesi partecipanti alla conferenza ha anche sostenuto l’obiettivo di muoversi più velocemente per ridurre l’uso del carbone, senza nominare tutti i paesi.

Ma durante i colloqui, la Cina, così come la Russia e l’India, sono state “più sagge” nell’adottare obiettivi più ambiziosi, ha affermato Cingolani.

“Per quei paesi, significa mettere in discussione un modello economico”, ha detto.

Ed esattamente ciò che i paesi impegnati, compresi quelli che inquinano pesantemente, sono disposti a fare per combattere il cambiamento climatico sarà presentato anche alla Conferenza sul clima delle Nazioni Unite in Scozia a novembre.

I leader nazionali delle nazioni del G20 avranno l’opportunità di superare i punti critici emersi a Napoli quando si riuniranno a Roma a fine ottobre.

Frances Demilio, The Associated Press

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x