Jannik Sinner stupisce Novak Djokovic e porta l'Italia alla finale di Coppa Davis

Jannik Sinner stupisce Novak Djokovic e porta l'Italia alla finale di Coppa Davis

L'Italia è tornata alla finale di tennis della Coppa Davis dopo un'assenza di 25 anni, dopo che Jannik Sinner ha sconfitto Novak Djokovic in singolo e doppio ottenendo una vittoria per 2-1 sulla Serbia sabato, qualificando il campione del 1976 ad affrontare l'Australia per il titolo.

Sinner e il suo compagno di doppio, Lorenzo Sonego, hanno sconfitto la coppia serba composta da Djokovic e Miomir Kecmanovic 6-3, 6-4 ottenendo una famosa vittoria che ha provocato la partenza dell'ex campione e ha scatenato grandi festeggiamenti alla Martin Carpena Arena in Spagna.

La prossima partita per la squadra di Filippo Volandri, che giocherà l'ottavo di finale e cercherà il secondo titolo, sarà l'Australia, 28 volte campione in carica, dopo che venerdì la squadra di Lleyton Hewitt ha battuto la Finlandia, assassina di giganti.

In precedenza, Sinner aveva salvato tre match point travolgendo Djokovic 6-2, 2-6, 7-5 in un singolare eccezionale, aiutando l'Italia a pareggiare 1-1 contro la Serbia dopo che Kecmanovic aveva portato il campione del 2010 in vantaggio battendo Lorenzo Musetti 6- 7. ) 6-2 6-1.

Sinner affrontava Djokovic per la terza volta in 11 giorni e il numero quattro del mondo, che aveva battuto il numero uno della testa di serie serbo all'inizio delle ATP Finals prima di perderlo nella lotta per il titolo, è partito bene nel primo set con due obiettivi. freno.

Il 22enne, motivo del ritorno dell'Italia nei quarti di finale contro l'Olanda, ha tolto il piede dal campo nel set successivo per permettere a Djokovic di rientrare, ma ha continuato ad avanzare nella speranza di ottenere un seconda vittoria su di lui. In sei incontri.

Ha parato tre match point quando il punteggio era 0-40 e 4-5 nel set decisivo, poi ha rotto il servizio di Djokovic portandosi in vantaggio sul 6-5 prima di mantenere i nervi saldi, eseguendo un passaggio di dritto e ottenendo una delle vittorie più importanti della sua carriera tra applausi assordanti.

Jannik Sinner e Lorenzo Sonego hanno vinto il doppio decisivo per portare l'Italia in finale

(Immagini Getty per ITF)

“Oggi è stato sicuramente un punto di svolta”, ha detto Sinner riferendosi al suo eroismo individuale vincendo 4-5. “Ho semplicemente provato a spingere su ogni punto e il gioco 0-40 mi ha aiutato con fiducia e anche dopo averlo rotto. Fa tutto parte del tennis.

“Ovviamente giocare il doppio nei playoff di Coppa Davis non è facile. C'è molta pressione e penso che l'abbiamo gestita molto bene. Siamo una squadra molto completa e ognuno di noi è davvero felice di essere qui”.

“Domani faremo del nostro meglio. Vediamo cosa verrà”.

La sconfitta è stata una pillola amara da ingoiare per Djokovic, vincitore di tre titoli del Grande Slam su quattro in una stagione straordinaria, dato che il 36enne ha perso la sua prima partita di singolare di Coppa Davis dalle semifinali del 2011, quando si ritirò a L'argentino Juan Martin. Del Potro.

Questa era solo la quarta volta che Djokovic perdeva una partita del Tour dopo aver preso un match point, e Sinner è anche diventato il primo giocatore a sconfiggere il due volte campione del Grande Slam in singolo nella stessa stagione da Daniil Medvedev nel 2019.

Kekmanovic si era ripreso in precedenza da un set battendo Musetti e lasciando la Serbia a una vittoria dalla terza finale nella competizione a squadre maschile d'élite e la prima dal 2013.

READ  Riepiloghi sportivi - Taipei Times

Musetti ha avuto una partenza lenta contro il brillante Kekmanovic ed è sfuggito per un soffio a due break prima che il numero 27 del mondo ritrovasse il suo livello e pareggiasse il punteggio sul 5-5 nel primo set e rimontasse di nuovo nel tie-break per suggellare la vittoria.

Il livello di Kekmanovic non è sceso di molto, dato che il numero 55 del mondo si è qualificato facilmente per il set successivo e ha rotto il servizio due volte nel terzo set portandosi in vantaggio per 4-0, cosa che è bastata al 24enne per superare Musetti, che stava soffrendo. da un infortunio alla coscia.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x