Kylie McEnany è stata accolta con un contraccolpo arrabbiato dopo aver affermato di non aver mai mentito come portavoce della stampa della Casa Bianca.

L’annuncio di Kylie McEnany di non aver mentito durante il suo periodo come addetta stampa sotto l’amministrazione di Donald Trump ha suscitato proteste.

La signora McEnany, che è stata portavoce della Casa Bianca da aprile 2020 a gennaio 2021, ha dichiarato domenica che essere una “donna credente” e una madre le ha impedito di mentire.

“Come donna sicura di sé, come madre di suo figlio Blake, come qualcuno che si è preparata meticolosamente in alcune delle istituzioni più impegnative del mondo, non ho mai mentito”, ha detto al pubblico alla Turning Point USA Young Women Leadership Conference .

“Hai ricevuto le mie informazioni. Ma questo non impedirà alla stampa di chiamarti bugiardo”, ha detto mentre continuava a criticare i media sull’etichetta.

Ha detto al pubblico: “Questo era il nostro motto: ‘solo insultare'”. Perché sapevo a cosa stavamo andando incontro. I repubblicani ottengono sempre i titoli negativi, ottengono sempre le storie false e ricevono sempre le bugie, se posso usare quella parola, la stampa racconta. C’è uno standard per i Democratici e un altro per i Repubblicani. E dovremmo essere in uno stato di umiliazione”.

Commentatori e critici politici sono stati pronti a rispondere all’affermazione della signora McEnany di non mentire mai alla stampa. L’autore Don Winslow ha scritto: “Ora stai mentendo su Dio”.

“Mentire sul mentire è una cosa, ma metterlo su tuo figlio è un livello completamente nuovo di dipendenza. Sembra pensare che mentire sia un’opinione. (sic)”, ha scritto un utente.

Un altro utente ha scritto che “non ha nulla a che fare con la verità”.

Tuttavia, questa non è la prima volta che la signora McEnany fa una simile affermazione. Durante il suo primo briefing nel maggio 2020, aveva promesso lo stesso a un gruppo di giornalisti. “Non ti mentirei mai, tu dici la mia su questo.”

READ  Taiwan esorta i cittadini a non cambiare il loro nome in "salmone" per ottenere sushi gratuitamente

Con diversi controlli sui fatti, il suo impegno nei confronti della stampa è stato testato più volte durante il suo mandato di nove mesi.

In effetti, secondo PolitiFact, un sito Web statunitense di verifica dei fatti senza scopo di lucro, la dichiarazione della signora McEnany era “per lo più falsa”, “falsa” e falsa con una “affermazione ridicola” circa il 56% delle volte.

È risultato essere “per lo più” veritiero solo nel 28% delle volte in cui l’organizzazione ha verificato le sue affermazioni. Ciò significa che, sebbene le sue affermazioni fossero accurate, aveva bisogno di “maggiori chiarimenti o informazioni aggiuntive”.

Tuttavia, la scorecard di PolitiFact ha rilevato che non c’erano casi in cui hanno verificato i fatti e hanno riscontrato che la sua dichiarazione era completamente accurata senza che mancassero informazioni importanti.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x