La capacità di esercizio dell’HFpEF non è influenzata dal tempo di riempimento diastolico ridotto

Utilizzando la risposta cronotropa come riferimento, gli autori dello studio dal Giappone hanno studiato il potenziale effetto della frequenza cardiaca indotta dall’esercizio sulla riserva di gittata cardiaca e sulla capacità di esercizio in un gruppo di pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata (HFpEF).

Né la capacità di esercizio né la riserva di gittata cardiaca sono state influenzate nei pazienti affetti arresto cardiaco Con frazione di eiezione preservata (HFpEF) dopo ecocardiografia con cyclette e analisi dei gas espirati, nonostante il tempo di riempimento diastolico ridotto, secondo i risultati dello studio pubblicati in Giornale dell’American Heart Association.

“Abbiamo cercato di determinare la relazione tra frequenza cardiaca, tempo di riempimento diastolico, emodinamica e capacità di esercizio nell’HFpEF”, hanno scritto gli autori.

I 173 partecipanti allo studio sono stati divisi in due gruppi: 66 erano nel gruppo con HFpEF e 107 erano nel gruppo non HF. Sono stati sottoposti a esercizi di ECG da sforzo nel laboratorio di ecocardiografia del Gunma University Hospital, Maebashi, in Giappone, tra ottobre 2019 e settembre 2021. Lo stress test consisteva in incrementi di 20 W per 3 minuti ciascuno fino a quando non è stata segnalata la fatica. I partecipanti al gruppo di controllo non potevano avere una causa cardiaca di mancanza di respiro.

Il carico di lavoro totale medio al picco di esercizio era del 33% inferiore nel gruppo HFpEF rispetto al gruppo di controllo, a 40 (range, 40-60) rispetto a 60 (range, 40-80) e la durata media dell’esercizio era del 13% più breve, a 532 (178) rispetto a 614 (196) secondi. Tuttavia, i rapporti di scambio respiratorio erano simili: 1,12 (0,15) contro 1,10 (0,17), rispettivamente. Inoltre, considerando il carico di lavoro svolto, i punteggi medi per sforzo e dispnea erano più alti nel gruppo HFpEF rispetto al gruppo di controllo: 0,32 (range, 0,25-0,43) contro 0,25 (range, 0,20-0,32) e 0,13 (range, 0,08- 0,18) contro 0,09 (intervallo, 0,05-0,13), rispettivamente.

READ  Starlink Satellite Internet offre un abbonamento istantaneo ai canadesi idonei

I pazienti nel gruppo HFpEF erano più anziani del gruppo di controllo (media [SD] Età 74 [8] contro 63 [13] anni), presentava un tasso di ipertensione più elevato (83% vs 66%), aveva un tasso di utilizzo di β-bloccanti quattro volte superiore (33% vs 7%) e un GFR stimato ridotto (63) [23] contro 67 [21] ml/min/1,73 ml2). Inoltre, la linea di base media per l’onda E e l’onda A è stata aumentata rispetto al gruppo di controllo:

  • Onda elettronica: 74 (26) vs 63 (16) cm/sec
  • Onda A: 91 (27) contro 76 (21) cm/sec

Su una scala da 0 a 60 W, il tempo di sovrapposizione è aumentato costantemente per entrambi i gruppi in concomitanza con un aumento della frequenza cardiaca, con i numeri del gruppo di controllo leggermente superiori al gruppo HFpEF in tutti i punti (0, 20, 40, 60 W) . Questo aumento del tempo di sovrapposizione indica un tempo più breve per il riempimento diastolico.

Al contrario, durante il picco di esercizio, frequenze cardiache più elevate in entrambi i gruppi avevano un’associazione positiva con una maggiore gittata cardiaca (r = 0,51; S <.0001) e consumo di ossigeno (r = 0,50; S <.0001). Inoltre, la riduzione del tempo di riempimento diastolico ha avuto un'associazione positiva con una maggiore gittata cardiaca (r = 0,47; S <.0001), nonché il picco di consumo di ossigeno (r = 0,38; S = .007).

È stata osservata anche una relazione positiva tra il tempo di interferenza più lungo e la velocità coronarica A (r = 0,53; S <.0001) e la deformazione della pompa booster atriale sinistra (r = 0,42; S <.0001).

“Questi dati indicano che un accorciamento del periodo di riempimento diastolico combinato con un aumento della frequenza cardiaca durante l’esercizio non riduce le riserve di gittata cardiaca o la capacità di esercizio nei pazienti con HFpEF”, scrivono gli autori. “I nostri dati suggeriscono un meccanismo compensatorio per ridurre il periodo di riempimento diastolico migliorando la funzione sistolica dell’atrio sinistro”.

READ  Il nuovo capo del clima della NASA sta proteggendo uno sbarco sulla luna nel 2024

Notano inoltre che, poiché ricerche recenti suggeriscono che i beta-bloccanti possono esacerbare la risposta cronica alla gittata cardiaca, limitando l’esercizio e aumentando lo stress della parete ventricolare sinistra, dovrebbe essere studiata l’opzione di interromperne l’uso tra i pazienti con ridotta capacità di esercizio e inefficienza cronica;

Hanno concluso: “Sono necessari ulteriori studi per far avanzare la nostra comprensione dei meccanismi fisiopatologici sottostanti e per esplorare il trattamento ottimale per questa sindrome”.

riferimento

Kagami K, Obokata M, Harada T, et al. Tempo di riempimento diastolico, risposta cronica, capacità di esercizio nello scompenso cardiaco e frazione di eiezione conservata nel ritmo sinusale. J Am Heart Assoc. Pubblicato online il 29 giugno 2022. doi: 10.1161 / JAHA.121.026009

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x