La Casa Bianca pensa di chiudere Guantanamo | Notizie carcerarie

La prigione marina simboleggia gli eccessi della “guerra americana al terrore” a causa dei duri metodi di interrogatorio e della tortura.

Un funzionario della Casa Bianca ha detto venerdì che l’amministrazione Biden ha avviato una revisione ufficiale del futuro della prigione militare statunitense a Guantanamo Bay, Cuba, per rilanciare l’obiettivo dell’era Obama di chiudere la famigerata struttura.

Due persone che hanno familiarità con la questione hanno detto all’agenzia di stampa Reuters che gli assistenti che partecipano a discussioni interne stavano prendendo in considerazione un’azione esecutiva da firmare dal presidente Joe Biden nelle prossime settimane o mesi, indicando un nuovo sforzo per rimuovere ciò che i sostenitori dei diritti umani hanno descritto come una macchia sull’immagine globale dell’America.

Tuttavia, è improbabile che un’iniziativa del genere chiuda presto il sipario sul carcere di massima sicurezza presso la stazione navale di Guantanamo, in gran parte a causa dei gravi ostacoli politici e legali che la nuova amministrazione dovrà affrontare.

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama discute i piani dell’amministrazione per chiudere la prigione militare di Guantanamo mentre rilascia una dichiarazione alla Casa Bianca a Washington il 23 febbraio 2016. [File: Carlos Barria/Reuters]

Istituita per trattenere i sospetti sulla scia degli attacchi dell’11 settembre 2001, questa prigione esterna è diventata il simbolo degli eccessi della “guerra al terrore” statunitense a causa dei duri metodi di interrogatorio che secondo i critici equivalgono a tortura.

“Stiamo implementando un processo del Consiglio di sicurezza nazionale per valutare la situazione attuale che l’amministrazione Biden ha ereditato dalla precedente amministrazione, in linea con il nostro obiettivo più ampio di chiudere Guantanamo”, ha detto a Reuters la portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale Emily Horne.

Ha aggiunto: “Il Consiglio di sicurezza nazionale lavorerà a stretto contatto con i Ministeri della Difesa, Stato e Giustizia per compiere progressi verso la chiusura della struttura GTMO, e anche in stretta consultazione con il Congresso”.

READ  Agente di polizia britannico sospettato di omicidio nel caso di una donna scomparsa

L’effetto immediato di un nuovo approccio potrebbe essere, in qualche modo, ripristinare la politica di chiusura di Guantanamo del vecchio presidente di Biden, l’ex presidente Barack Obama, che Donald Trump ha annullato una volta insediato nel 2017.

Trump ha tenuto la prigione aperta durante i suoi quattro anni alla Casa Bianca, anche se non l’ha mai riempita di “cattivi”, come aveva promesso una volta. Ora rimangono 40 prigionieri, la maggior parte dei quali detenuti per quasi due decenni senza accusa né processo.

L’amministrazione Biden non ha fatto di Guantanamo una delle sue prime priorità mentre era alle prese con la pandemia, le sue ricadute economiche in patria e altre sfide globali. [File: John Moore/Getty Images]

L’amministrazione Biden non ha fatto di Guantanamo una delle sue prime priorità mentre è alle prese con la pandemia, le sue ricadute economiche in patria e altre sfide globali. Al contrario, Obama ha fatto della chiusura di Guantanamo uno dei suoi primi ordini esecutivi nel 2009, ma non è riuscito a raggiungere questo obiettivo entro la fine del suo secondo mandato.

La chiusura della struttura è stata una richiesta di vecchia data dei Democratici Progressisti, il cui sostegno ha aiutato Biden a vincere la Casa Bianca a novembre.

I critici affermano che la continua esistenza della prigione è un promemoria per il mondo delle dure pratiche di detenzione che hanno aperto gli Stati Uniti alle accuse di tortura. È anche un chiaro esempio di come i sospetti razziali alimentati da uomini neri e marroni causino una sorveglianza sproporzionata e il sospetto di atti terroristici.

Più di cento organizzazioni per i diritti umani si sono iscritte il 2 febbraio Messaggio Biden lo ha invitato a chiudere la prigione e porre fine alla detenzione a tempo indeterminato dei sospetti detenuti, dicendo che era troppo lungo per “un resoconto significativo con tutta la portata dei danni che l’approccio post-11 settembre ha fatto”.

READ  Le bande ad Haiti offrono aiuto per i soccorsi; Il bilancio delle vittime del terremoto è salito a 2.207

Secondo la lettera, “Guantanamo continua a infliggere danni progressivi e profondi agli uomini che ancora vi soffrono, e l’approccio che rappresenta continua a nutrire e giustificare la cieca intolleranza, stereotipi e stigmatizzazione”. “Guantanamo rafforza le divisioni etniche e razziali su scala più ampia e rischia di facilitare ulteriori violazioni dei diritti umani”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x