La Corte penale internazionale chiede la fine delle minacce contro la Corte nel corso delle indagini sulla guerra di Gaza Notizie della guerra israeliana a Gaza

La Corte penale internazionale chiede la fine delle minacce contro la Corte nel corso delle indagini sulla guerra di Gaza  Notizie della guerra israeliana a Gaza

Una dichiarazione è stata rilasciata dopo che funzionari israeliani e statunitensi hanno criticato la corte per aver emesso possibili mandati di arresto per la guerra di Gaza.

L’ufficio del procuratore della Corte penale internazionale ha chiesto la fine di quelle che definisce intimidazioni nei confronti del proprio personale, affermando che tali minacce potrebbero costituire un crimine contro “l’amministrazione della giustizia” da parte del tribunale permanente mondiale per i crimini di guerra.

L’ufficio del procuratore della Corte penale internazionale Karim Khan, con sede all’Aia, ha dichiarato venerdì in una dichiarazione che tutti i tentativi di ostacolare, intimidire o influenzare in modo improprio i suoi funzionari devono cessare immediatamente.

Sebbene la dichiarazione del pubblico ministero non menzionasse Israele, è stata rilasciata dopo che funzionari israeliani e americani avevano avvertito delle conseguenze contro la Corte penale internazionale se avesse emesso mandati di arresto per la guerra israeliana a Gaza.

“L’Ufficio cerca di impegnarsi in modo costruttivo con tutte le parti interessate quando questo dialogo è coerente con il suo mandato ai sensi dello Statuto di Roma di agire in modo indipendente e imparziale”, ha affermato l’ufficio di Khan.

“Tuttavia, questa indipendenza e imparzialità sono compromesse quando individui minacciano di ritorsioni contro il tribunale o il personale del tribunale se, in attuazione del suo mandato, l’Ufficio prende decisioni su indagini o casi di sua giurisdizione”.

Ha aggiunto che lo Statuto di Roma, che definisce la struttura della Corte penale internazionale e le sue aree di giurisdizione, vieta le minacce contro la Corte e i suoi funzionari.

La scorsa settimana, resoconti dei media hanno indicato che la Corte penale internazionale potrebbe emettere mandati di arresto per funzionari israeliani, incluso il primo ministro Benjamin Netanyahu, per il comportamento di Israele a Gaza.

Il tribunale può processare individui per crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio. Dall’inizio della guerra, il 7 ottobre, l’esercito israeliano ha ucciso quasi 35.000 persone a Gaza e distrutto gran parte della Striscia.

La notizia di possibili accuse da parte della Corte penale internazionale contro funzionari israeliani ha portato a una forte reazione da parte del paese e dei suoi alleati negli Stati Uniti.

Martedì Netanyahu ha diffuso un videomessaggio in cui rimproverava la corte. Ha detto: “Israele si aspetta che i leader del mondo libero si oppongano fermamente al terribile attacco della CPI al diritto intrinseco di Israele all’autodifesa”.

Ci aspettiamo che utilizzino tutti i mezzi a loro disposizione per fermare questo passo pericoloso”.

A Washington, molti parlamentari hanno chiesto al presidente Joe Biden di intervenire e contrastare qualsiasi azione della Corte penale internazionale contro Israele.

“Sarebbe un colpo fatale per la posizione giuridica e morale della Corte penale internazionale continuare su questa strada contro Israele”, ha scritto questa settimana il senatore democratico John Fetterman in un post sui social media.

“In linea [Biden] Intervenire come parte dell’impegno costante dell’amministrazione nei confronti di Israele”.


Nel 2021, l’amministrazione Biden ha revocato le sanzioni statunitensi imposte dall’ex presidente Donald Trump ai funzionari della Corte penale internazionale.

Israele e gli Stati Uniti non ratificarono lo Statuto di Roma, ma la Palestina, uno stato osservatore permanente presso le Nazioni Unite, accettò la giurisdizione della Corte.

READ  La polizia ha detto che un uomo in una metropolitana di New York ha sputato su una donna, gridando con parole anti-asiatiche

La corte sta indagando su possibili violazioni israeliane nei territori palestinesi occupati dal 2021. Khan ha detto che la sua squadra sta indagando su presunti crimini di guerra nella guerra in corso a Gaza.

A ottobre, Khan aveva affermato che la corte aveva giurisdizione per esaminare eventuali potenziali crimini di guerra commessi dai combattenti di Hamas in Israele e dalle forze israeliane a Gaza.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x