La Corte Suprema di Manitoba ha respinto l’appello radar

La più alta corte di Manitoba ha respinto una sfida legale alle leggi sul traffico della contea che consentono al proprietario di un veicolo di firmare i reati catturati sul radar di imaging, indipendentemente da chi lo stesse guidando.

“Dire che sono rimasto deluso sarebbe un eufemismo”, ha detto giovedì Raymond Bernier, 72 anni.

Bernier – la cui auto è stata catturata accelerando da una telecamera radar per le immagini nel 2016 e nel 2017 – ha affermato che una clausola di 30 anni della legge sul traffico stradale gli consente di presentare un biglietto perché il proprietario dell’auto viola il suo diritto di essere presunto innocente.

In base a questa clausola, stabilita prima dell’installazione di telecamere per immagini radar in Manitoba, il proprietario registrato di un veicolo può essere ritenuto responsabile per i crimini commessi da un’altra persona alla guida del veicolo.

Mercoledì, la Corte d’Appello di Manitoba di cinque giudici ha stabilito che i fatti del caso non meritavano interferenze con la legge, dopo aver ascoltato le memorie durante un’udienza di due ore e mezza.

Il giudice Frida Steele ha dichiarato: “Devono esserci circostanze eccezionali per ribaltare un precedente che dura da quasi 30 anni”.

Steele ha detto che le ragioni scritte dettagliate per la decisione del tribunale sarebbero state rivelate in un secondo momento.

Bernier, il cui ricorso in tribunale è stato finanziato da Wise Up Winnipeg, un osservatore delle forze dell’ordine, ha detto che deciderà il suo prossimo passo, se ce n’è uno, quando verrà presa la decisione scritta.

Bernier ha affermato che una decisione divisa aprirebbe la strada a una possibile fase per la Corte Suprema del Canada.

READ  La NASA schiera un elicottero su Marte - Video

“La Corte Suprema deve ancora accettare di essere ascoltata”, ha detto. “Potrebbero comunque rifiutare la nostra richiesta, anche solo per ascoltarla.”

Todd Dob di Wise Up è rimasto deluso dalla decisione.

“Mi piacerebbe pensare che il boicottaggio stia rivedendo la legislazione che consente loro di farlo”, ha detto.

Dobby ha detto che Manitoba dovrebbe seguire l’esempio di stati americani come la California e il Texas, dove i biglietti radar includono immagini sia della targa dell’auto che del conducente.

“Devono inviare quel biglietto all’autista”, ha detto.

“Concedere (un biglietto) a un oggetto inanimato non sarebbe stato discusso prima del radar di imaging”.

dean.pritchard@freepress.mb.ca

Dean Pritchard
Corrispondente dei tribunali

Qualcuno una volta ha detto che un giornalista è solo un reporter ben vestito. Dean Pritchard non ha un bel vestito. Ma conosce una buona causa.

Leggi il CV completo

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

| La Tribuna | 2021 Tutti i diritti riservati

Read also x