La crisi dell’Unione Europea: Italexit teme la rabbia dell’Italia per i suoi “oppositori” Germania | Il mondo | notizia

L’economia europea, come il resto del mondo, ha subito un duro colpo durante la pandemia di Coronavirus. L’Unione europea è stata in grado di avviare una ripresa a luglio, agosto e settembre dello scorso anno, poiché il PIL del blocco è cresciuto del 12,6%, il più grande aumento da quando sono iniziati i record nel 1995. Ma alla fine del 2020, quel progresso si è bruscamente allentato con l’aumento dei tassi di infezione. In alcuni dei paesi più influenti dell’Unione europea. È probabile che Germania e Paesi Bassi estendano i loro blocchi, con alcuni rapporti che indicano che il Cancelliere Merkel potrebbe imporre restrizioni severe fino ad aprile.

Tuttavia, uno dei paesi in cui l’impatto politico dell’epidemia può essere più sentito è l’Italia, poiché gli esperti hanno avvertito che le persone stanno iniziando a perdere la fiducia nell’Unione europea.

Quando l’epidemia iniziale portò al caos nella regione settentrionale della Lombardia, l’Italia ricevette scarso sostegno sotto forma di aiuti finanziari o dispositivi di protezione.

Alla fine, l’Unione Europea e la Banca Centrale Europea si sono rivoltate contro questa posizione, ma nonostante questo un messaggio è stato inviato agli italiani.

“L’Italia era affezionata al progetto europeo e se ne è innamorata. Non so se l’Europa riuscirà a ritrovare quella fiducia”, ha detto a Bloomberg lo scorso aprile Marc Lazare, professore di storia all’Università di Sciences Po a Parigi.

In un sondaggio dell’aprile 2020, il 59% degli italiani ha affermato che l’Unione europea come è ora non ha più senso.

In un altro, la maggior parte degli italiani ha descritto la Cina come un’amica e quasi la metà ha affermato che il nemico era la Germania.

READ  La nuova Honda Gold Wing 2021, più comfort e un motore Euro 5

“Se gli italiani non vedranno un risultato positivo, crescerà lo scetticismo sull’Unione Europea, o anche una politica anti-tedesca che potrebbe essere radicata nel profondo passato psicologico del nostro Paese”, ha aggiunto Pierre Paolo Barretta, Sottosegretario al Ministero delle Finanze.

“Nella nostra memoria storica, la Germania è sempre stata un avversario in tempi di difficoltà”.

Lo IAI, un think tank italiano, ha scoperto che il sostegno dell’UE in Italia è passato dal 44% ad aprile al 56% a novembre, ma ha avvertito che la pandemia stava ancora influenzando la visione degli italiani del blocco.

Per saperne di più: Brexit ripetuta: la Danimarca preme per una “soluzione britannica”

“A volte le crisi rendono le persone più convergenti – c’è un vecchio adagio secondo cui l’Europa è ‘truccata nelle crisi'”, ha detto.

“ Ma ovviamente la crisi potrebbe passare molto lontano, e alcune crisi sono finite in tutto – in questo caso l’unione monetaria – esplodendo.

“Penso che esistano entrambe le possibilità ed è difficile sapere quale sia più probabile.

“C’è la possibilità che tutto finisca, perché le legittime richieste degli stati del sud non potranno essere soddisfatte dagli stati del nord, il che potrebbe portare a lasciare uno stato del sud.

“Gli stati del nord possono andarsene in blocco”.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x