La gemma di ossido di rame della Namibia potrebbe essere la chiave dei computer quantistici

I polaritoni di Rydberg viaggiano continuamente dalla luce alla materia e viceversa. Nel polaritone di Rydberg, luce e materia sono come due facce di una medaglia, e l’aspetto della materia è ciò che fa interagire i polaritoni tra loro.

Questa interazione è importante perché questo è ciò che consente la creazione di simulatori quantistici, un tipo speciale di Computer quantistico, dove le informazioni sono memorizzate in bit quantistici. Questi bit quantistici, a differenza dei bit binari nei computer classici che possono essere solo 0 o 1, possono assumere qualsiasi valore compreso tra 0 e 1. Possono quindi memorizzare più informazioni ed eseguire molte operazioni contemporaneamente.

risolvere enigmi scientifici

A un foglio Pubblicato sulla rivista materiali della naturai ricercatori dietro la scoperta hanno spiegato che questa capacità potrebbe consentire ai simulatori quantistici di risolvere importanti enigmi di fisica, chimica e biologia, ad esempio come realizzare superconduttori ad alta temperatura per treni ad alta velocità, come produrre fertilizzanti economici per risolvere la fame nel mondo o come le proteine ​​si piegano facilitando la produzione di farmaci più efficaci.

“Realizzare un simulatore quantistico con la luce è il Santo Graal della scienza”, ha affermato il leader del progetto Hamid Ahi in una dichiarazione ai media. “Abbiamo fatto un enorme balzo in avanti creando i polaritoni di Rydberg, il loro componente principale”.

Per creare il polaritone di Rydberg, i ricercatori hanno confinato la luce tra due specchi altamente riflettenti. Un cristallo di ossido di rame proveniente da una pietra estratta in Namibia è stato quindi ammorbidito e lucidato in una lastra spessa 30 μm e inserito tra i due specchi per realizzare i Rydberg Polaritons 100 volte più grandi che mai.

READ  Ecco come appaiono la terra e il sole dal polo sud della luna

Dopo questo lavoro, il team ha deciso di migliorare ulteriormente questi metodi per esplorare la possibilità di realizzare circuiti quantistici, che sono il prossimo componente dei simulatori quantistici.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x