La gigantesca struttura cosmica appena scoperta sfida le teorie dell’universo spazio

La gigantesca struttura cosmica appena scoperta sfida le teorie dell’universo  spazio

Gli astronomi hanno scoperto una gigantesca struttura cosmica a forma di anello, le cui dimensioni sfidano le attuali teorie sull'universo.

Il cosiddetto Grande Anello ha un diametro di circa 1,3 miliardi di anni luce, il che lo rende tra le strutture più grandi mai osservate. Distante più di 9 miliardi di anni luce dalla Terra, è troppo debole per essere visto direttamente, ma il suo diametro nel cielo notturno equivale a 15 lune piene.

Osservazioni fatte giovedì alle 243esimo incontro dell'American Astronomical Society a New Orleans, è importante perché le grandi dimensioni dell'anello sembrano sfidare un presupposto fondamentale della cosmologia chiamato principio cosmologico. Questa teoria afferma che al di sopra di una certa scala spaziale, l'universo è omogeneo e appare identico in ogni direzione.

“Dalle attuali teorie cosmologiche, non pensavamo che strutture di questa scala fossero possibili”, ha detto Alexia Lopez, dottoranda presso l'Università del Central Lancashire, che ha condotto l'analisi. “Possiamo aspettarci una struttura molto grande in tutto il nostro universo osservabile”.

In teoria, lo zoom sull’universo dovrebbe rivelare una distesa vasta e anonima. Tuttavia, il Grande Anello fa parte di un elenco crescente di strutture inaspettatamente grandi. Includi altri Arco giganteAppare proprio accanto al Grande Anello, scoperto anche da Lopez nel 2021. I cosmologi calcolano che l'attuale limite teorico delle dimensioni sia di 1,2 miliardi di anni luce, ma il Grande Anello e l'arco gigante, che si estende su circa 3,3 miliardi di anni luce, superano da anni questo limite.

È interessante notare che le due strutture si trovano alla stessa distanza dalla Terra, vicino alle costellazioni di Boote il Pastore, suggerendo la possibilità che facciano parte di un sistema cosmico connesso.

“Queste anomalie vengono costantemente nascoste, ma man mano che ne scopriamo di più, dovremo affrontare il fatto che forse il nostro modello standard deve essere ripensato”, ha detto Lopez. “Come minimo è incompleta. Come massimo, abbiamo bisogno di una teoria della cosmologia completamente nuova.

Il grande anello è stato scoperto analizzando i dati dello Sloan Digital Sky Survey (SDSS), un catalogo di quasar distanti. Questi oggetti sono così luminosi che possono essere visti da miliardi di anni luce di distanza e agiscono come lampade giganti e distanti, illuminando le galassie intermedie la cui luce passa nel loro percorso che altrimenti sarebbe invisibile.

Lopez e i suoi colleghi hanno utilizzato diversi algoritmi statistici per identificare potenziali strutture su larga scala, ed è emerso il grande anello. La struttura appare come un anello quasi perfetto nel cielo, ma ulteriori analisi hanno rivelato che ha una forma a spirale, come un cavatappi, allineato faccia a faccia con la Terra.

I cosmologi non sono sicuri del meccanismo che potrebbe dare origine a questa struttura. Una possibilità è la presenza di un tipo di onda sonora nell'universo primordiale, nota come oscillazioni acustiche barioniche, che potrebbe dare origine a gusci sferici nell'attuale disposizione delle galassie. Un’altra spiegazione è l’esistenza di stringhe cosmiche, ipotetici “difetti” nel tessuto dell’universo che potrebbero causare l’aggregazione della materia lungo linee di faglia su larga scala.

La dottoressa Jenny Wagner, cosmologa presso l'Institute for Advanced Study delle Bahamas, ha descritto questa scoperta come importante. “Non sembra che sia solo una coincidenza”, ha detto.

È possibile includere il Grande Anello all’interno del principio cosmologico, a seconda di come vengono definiti i suoi confini, ma più si scoprono esostrutture di questo tipo su larga scala, meno statisticamente plausibile diventa questa visione, ha detto Wagner. “Ecco perché cercare più megastrutture è così prezioso”, ha detto. “Personalmente non mi sorprenderei se dovessimo abbandonare il principio cosmologico dopo future scoperte”.

READ  Il telescopio spaziale James Webb inizia ad allineare più strumenti

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x