La maggior parte del buco nero supermassiccio ha mai scoperto forze quasar lontane e mette in evidenza l’universo primordiale – RT World News

In un’impresa straordinaria, gli astronomi hanno scoperto il più antico buco nero supermassiccio mai esistito. Questa straordinaria scoperta risale ai primi giorni dell’universo e alimenta il quasar più lontano finora conosciuto.

Il buco nero supermassiccio pesa una massa equivalente a un totale di 1,6 miliardi di soli. Risale a 670 milioni di anni dopo il Big Bang, quando l’universo era solo il cinque per cento della sua età attuale.

Un buco nero è al centro della prima falsa stella mai scoperta. I quasar sono il nucleo luminoso di una galassia attiva. Il suo forte bagliore è creato da quantità insolite di energia rilasciata dal gas che cade verso il buco nero supermassiccio al suo centro.

Il quasar si trova a 13,03 miliardi di anni luce dalla Terra, rendendolo il quasar più distante mai scoperto. I quasar distanti sono essenziali per comprendere la natura dell’universo primordiale. Forniscono informazioni sulla formazione di buchi neri e galassie massicce in questo periodo.

Questo oggetto è il primo del suo genere a mostrare la prova di uno zampillo di vento di gas estremamente caldo che fuoriesce dalla periferia di un buco nero a un quinto della velocità della luce.

Gli astronomi hanno anche osservato un’intensa attività di formazione stellare nella galassia in cui si trova il quasar.

Le dimensioni straordinarie del buco nero e il fatto che risalga a un’età molto precoce nell’universo sfida l’attuale comprensione scientifica di come si sono formati questi pianeti giganti cosmici.

Si pensa che i buchi neri supermassicci crescano da buchi neri più piccoli che divorano la materia. I ricercatori dell’Università dell’Arizona hanno calcolato che anche se un seme di buco nero si formasse subito dopo le prime stelle nell’universo e crescesse il più velocemente possibile, avrebbe bisogno di una massa iniziale di almeno 10.000 soli.

READ  Le ultime impronte di dinosauro risalenti a 110 milioni di anni fa sono state scoperte sulle scogliere del Regno Unito: rapporto

Questo è semplicemente troppo veloce per i modelli attuali di come si formano i semi neri, che è causato dal collasso di stelle massicce.

“Questa è la prima prova di come un buco nero supermassiccio influenzi la galassia ospite che lo circonda”, L’autore principale del giornale Fiji Wang ha detto.

“Dalle osservazioni di galassie meno distanti, sappiamo che dovrebbe accadere, ma non l’abbiamo visto accadere molto presto nell’universo”.

I ricercatori sperano di saperne di più sul quasar e sul buco nero attraverso osservazioni future, in particolare con il James Webb Space Telescope della NASA, che dovrebbe essere lanciato entro la fine dell’anno.



Anche su rt.com
La spettacolare “Rosa” ha tagliato in regioni di formazione stellare circondate dal lontano buco nero supermassiccio


Pensi che i tuoi amici saranno interessati? Condividi questa storia!

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

| La Tribuna | 2021 Tutti i diritti riservati

Read also x